Sitting volley, l’Italia debutta alle Paralimpiadi con una vittoria: 3-0 schiacciante sul Giappone. Sogno semifinali

L’Italia incomincia col botto la sua avventura alle Paralimpiadi di Tokyo 2020. La nostra Nazionale di sitting volley femminile, al debutto assoluto nella rassegna a cinque cerchi, ha travolto il Giappone con uno schiacciante 3-0 (25-23; 25-11; 25-10) in 73 minuti di gioco: dopo un primo set particolarmente sofferto e condizionato anche dall’emozione del debutto, le azzurre hanno surclassato le ostiche padrone di casa dominando i due successivi parziali con punteggi estremamente schiaccianti a dimostrazione di una partita a senso unico.

A giganteggiare sono state Francesca Bosio (15 punti, 6 muri), Sara Cirelli (13 punti, 4 muri) e Giulia Bellandi (12 punti, 3 aces). Da segnalare anche i 3 aces di Eva Ceccatelli e i 5 punti di Roberta Pedrelli. Flavia Barigelli è subentrata nel terzo set e ha messo a segno 6 punti, 2 marcature per la titolare Raffaela Battaglia, Silvia Biasi il libero. L’Italia si è così portata al comando del gruppo A che comprende anche Brasile e Canada (si incroceranno tra loro alle ore 11.30): il sogno di qualificarsi alle semifinali e giocare per una medaglia ora non è più così impossibile. Le azzurre torneranno in campo domenica 29 agosto (ore 07.00) per affrontare il Canada.

Foto: Fipav

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Nuoto, Paralimpiadi Tokyo: Carlotta Gilli vola in finale dei 400 sl col secondo tempo, avanti anche Ghiretti

Canottaggio, Paralimpiadi Tokyo: due equipaggi italiani ai ripescaggi col terzo posto