Simone Biles rinuncia alla finale al corpo libero. Vanessa Ferrari col miglior punteggio alle Olimpiadi

Simone Biles ha rinunciato anche alla Finale di Specialità al corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo 2021. La decisione era nell’aria ormai da giorni, adesso è arrivata anche l’ufficialità: la statunitense non salirà in pedana domani (lunedì 2 agosto, ore 10.57), proprio come era successo per all-around, volteggio e parallele asimmetriche. La 24enne è alle prese con difficoltà psico-motorie, i Twisties la stanno affliggendo e ha mostrato tramite un video di avere delle enormi criticità a controllare le rotazioni in aria, mancando del controllo del proprio corpo.

L’icona della ginnastica artistica non potrà dunque bissare il titolo vinto alle Olimpiadi di Rio 2016. Mancherà la grande favorita della vigilia, capace di vincere ben cinque titoli mondiali in questa specialità e in grado di proporre un’acrobatica davvero superlativa. Stiamo parlando dell’unica ragazza in grado di sfondare il muro dei 15 punti, anche se in qualifica aveva commesso diversi errori e aveva chiuso al secondo posto con il punteggio di 14.100. Meglio di lei, infatti, aveva fatto Vanessa Ferrari, che domani cercherà il colpaccio della vita e vuole tornare a casa con una medaglia al collo.

La bresciana risultò la migliore con 14.166 e a questo punto lancia la sfida a tutte le avversarie in quella che sarà una gara decisamente avvincente ed equilibrata. L’azzurra dovrà temere la brasiliana Rebeca Andrade (fresco argento all-around) e la statunitense Jade Carey, ma dovrà stare molto attenta anche alla britannica Jessica Gadirova (Campionessa d’Europa in carica) e alla russa Angelina Melnikova, senza dimenticarsi della giapponese Mai Murakami. A completare la rosa delle partecipanti saranno la russa Viktoriia Listunova e la britannica Jennifer Gadirova, che entra in finale dopo la rinuncia di Simone Biles. La statunitense si è riservata ancora qualche ora di tempo per decidere se disputare la finale alla trave, in programma martedì 2 agosto, ma sembra davvero improbabile che possa salire su un attrezzo.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

LIVE Scherma, Olimpiadi Tokyo in DIRETTA: l’Italia chiude senza ori, azzurri fuori ai quarti nel fioretto!

Nuoto, meraviglioso bronzo per l’Italia nella 4×100 mista! Il suggello ad un grande movimento