Vuelta a España 2021, chi parteciperà? Sicuri Roglic e Bernal, incognita Pogacar. Presente Giulio Ciccone

Il Tour de France 2021 si è appena concluso ed è già giunto il momento di pensare alla Vuelta a España. La corsa a tappe spagnola, infatti, inizierà tra meno di un mese ed è già confermata la presenza, ai nastri di partenza, di due assi quali il campione uscente Primoz Roglic, voglioso di riscatto dopo che una caduta lo ha costretto al ritiro dal Tour de France, e il re dell’ultimo Giro d’Italia Egan Bernal.

A Roglic e Bernal, oltretutto, potrebbe anche aggiungersi il trionfatore della Grande Boucle Tadej Pogacar. Il leader della UAE Team Emirates, inizialmente, aveva in programma anche il grande giro spagnolo, ma ora la sua presenza è in forse. Pogacar, infatti, deciderà solamente dopo essere tornato da Tokyo se prendere parte anche al terzo grande giro della stagione.

Al fianco di Bernal, tra le file del Team Ineos, è sicura la presenza di Adam Yates e di Tom Pidcock, il quale, alla Vuelta, farà il suo esordio, in carriera, in un grande giro. Dovrebbe essere al via, inoltre, come capitano unico della Deceuninck-Quick Step, il lusitano Joao Almeida, il quale è reduce dal bel sesto posto ottenuto, pochi mesi fa, alla Corsa Rosa.

Ovviamente la Movistar si presenterà al grande giro di casa con una formazione stellare. Il sodalizio spagnolo dovrebbe schierare il tridente composto da Alejandro Valverde, Miguel Angel Lopez ed Enric Mas. Per quanto concerne i colori azzurri, invece, sarà della partita, come capitano della Trek-Segafredo, Giulio Ciccone. L’abruzzese, nell’ultima corsa a tappe di tre settimane della stagione, cerca quella top-10 in un grande giro che gli è sfuggita, a causa di una caduta, all’ultimo Giro d’Italia.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, questa è la Ferrari che vogliamo! Ora il 2022, le nuove regole e l’obiettivo di tornare a lottare per il Mondiale

Mark Cavendish: “Un mese fa non dovevo fare il Tour de France, ora indosso la maglia verde a Parigi”