Vanessa Ferrari accusata di razzismo sui social, ma la frase non è sua! Era di Carlotta Ferlito, Simone Biles difende l’azzurra

Vanessa Ferrari è stata accusata di razzismo sui social, ma in maniera totalmente errata. Alla vigilia delle Olimpiadi di Tokyo 2021, infatti, alla Farfalla di Orzinuovi è stata attribuita una frase razzista nei confronti di Simone Biles, ma quelle parole non sono mai state pronunciate dalla bresciana. Si trattava di dichiarazioni che Carlotta Ferlito rilasciò in occasione dei Mondiali di Anversa 2013, quelli in cui la Reginetta della Polvere di Magnesio esplose conquistando i suoi primi titoli iridati e in cui l’azzurra salì sul secondo gradino del podio al corpo libero proprio alle spalle della statunitense. In quel contesto, dopo l’atto conclusivo alla trave, fu la siciliana a dire che forse si sarebbero dovute tingere la faccia di nero per vincere (le azzurre conclusero al quarto e al quinto posto). Ferlito poi si scusò, ma con quelle frasi non ha niente a che fare Vanessa Ferrari.

La Farfalla di Orzinuovi lo ha prontamente voluto puntualizzare sui suoi profili social. Tra l’altro nel post in cui si taccia la 30enne di essere razzista era stato pubblicato il video dell’esercizio in cui la nostra portacolori si infortunò gravemente ai Mondiali 2017. Una vera e propria ingiuria gratuita e falsa, che ha leso l’immagine della ginnasta in procinto di partecipare ai Giochi: domenica è previsto il turno di qualificazione, dove la Campionessa del Mondo 2006 sarà chiamata a guidare il quartetto italiano verso una non semplice qualificazione alla finale a squadre e dove inseguirà l’accesso alla finale al corpo libero, specialità in cui punta alla tanto agognata medaglia a cinque cerchi.

Vanessa Ferrari ha potuto fare affidamento sul gradito appoggio di Simone Biles, diretta interessata alla vicenda. La 24enne statunitense, grande favorita per conquistare cinque medaglie d’oro alle Olimpiadi, ha infatti voluto specificare che l’azzurra non c’entra nulla con quelle frasi ormai vecchie di otto anni e che la bresciana è sempre stata un’amica sua e di Team USA. Una difesa a spada tratta della ginnasta più vincente di tutti i tempi che ha sicuramente aiutato la nostra capitana e ha aiutato a chiarire la situazione in maniera inequivocabile.

Questo il messaggio di Vanessa Ferrari: “Penso che tu ti stia confondendo, queste accuse contro di me sono completamente sbagliate. Non sono stata io a dire una frase del genere, ma una mia compagna di squadra molti anni fa; prima di accusare qualcuno assicurati di sapere di chi si tratta. Io sono stata coinvolta in questa storia perché la persona in questione non è stata capace di prendersi le sue responsabilità e mi ha coinvolto per cercare di giustificare il suo comportamento. Il discorso è stato tra questa persona e una giornalista, io non ho niente a che fare con queste dichiarazioni. Inoltre, come tutti quanti, conosco benissimo il livello di Simone e ovviamente non potrei mai metterlo in discussione. Il video postato qui sopra mostra il mio infortunio al tendine d’Achille, non penso sia bello pubblicare una cosa del genere, ancora di più se si sta accusando la persona sbagliata. Quindi per favore informati prima di commettere errori”.

Simone Biles ha risposto:Ragazzi per favore smettetela di scagliarvi contro Vanessa, lei è sempre stata gentile nei confronti del team USA e nei miei. Questo incidente è successo molti anni fa, ma non è stata lei a pronunciare quella frase. Vanessa, spero di vederti e porgerti le scuse ufficiali per tutti quelli che ti hanno attaccata. Per il momento Buona Fortuna a te e alla squadra Italiana! Ci vediamo in giro!”. Carlotta Ferlito ha partecipato alle Olimpiadi di Londra 2012 e Rio 2016 (come la Biles, Vanessa è a quota quattro), non gareggia ormai da due anni (vittoria al corpo libero alle Universiadi) anche se non ha ufficialmente annunciato il proprio ritiro dall’attività agonistica.

Foto: Simone Ferraro/FGI

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Canoa velocità, Olimpiadi Tokyo: i favoriti gara per gara. Manfredi Rizza outsider nei 200 metri

VIDEO F1, Mick Schumacher in pista a Silverstone con la Jordan del debutto di papà Michael