Tennis, Jannik Sinner rinuncia alle Olimpiadi di Tokyo: “Non ho giocato bene negli ultimi tornei, devo concentrarmi sulla crescita”

Arriva con un post su Instagram la rinuncia alle Olimpiadi di Tokyo di Jannik Sinner. L’altoatesino, numero 2 d’Italia e ad oggi 23 del mondo, ha comunicato la propria decisione pochi giorni dopo aver perso al primo turno del suo primo Wimbledon in tabellone principale dall’ungherese Marton Fucsovics in quattro set.

Queste le parole del diciannovenne nativo di San Candido: “Non è stata una decisione facile da prendere ma ho deciso di non partecipare ai Giochi Olimpici quest’anno. Rappresentare il mio Paese è un privilegio ed un onore e spero di poterlo fare per tanti anni. La decisione è stata dettata dal fatto che non ho giocato il mio miglior tennis durante gli ultimi tornei e devo concentrarmi sulla mia crescita. Ho bisogno di questo tempo per lavorare sul mio gioco, il mio obbiettivo è diventare un miglior giocatore in campo e fuori. Sono pronto a mettermi ancora di più in gioco con l’obbiettivo di migliorare. Sono sincero con voi e spero che potrete capire il mio ragionamento dietro a questa decisione. Sento che questa sia la scelta migliore per il mio futuro“.

In linea teorica, essendo numero 5 d’Italia e primo in linea di successione relativamente alla partecipazione olimpica, sarebbe Lorenzo Musetti a dover sostituire Sinner nella delegazione italiana: di questo, però, va attesa l’ufficialità, ove arrivasse e ove il toscano decidesse di sostituire l’impegno di Kitzbühel, dov’è attualmente iscritto, con quello olimpico.

Rimane dunque attualmente senza un compagno di doppio Lorenzo Sonego, per il quale ci sarebbe la sola iscrizione al singolare maschile. Gli altri due uomini azzurri al via sono Matteo Berrettini e Fabio Fognini, che faranno anche coppia.

Va infine annotato come è molto probabile che la decisione di Sinner sia arrivata dopo la sconfitta con Fucsovics: proprio dopo questa, infatti, parlava di Olimpiadi come obiettivo.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Calcio, Europei 2021: Italia leggermente favorita contro la Spagna secondo i bookmakers

Superbike, risultati Superpole GP Gran Bretagna 2021: Jonathan Rea fa il vuoto sul bagnato davanti a van der Mark