Surf, Olimpiadi Tokyo: i favoriti. Leonardo Fioravanti mina vagante

Ci siamo, il conto alla rovescia sta per scadere e le Olimpiadi di Tokyo 2021 sono ormai prossime. Sarà una grande occasione per il surf, per la prima volta inserito nel programma a Cinque Cerchi.

Le prove avranno inizio nella notte italiana tra il 24 e il 25 luglio, in cui si svolgeranno i primi due round. Quello inaugurale, dunque, e quello riservato ai ripescaggi. Nella notte successiva è previsto il terzo round e le prime eliminazioni. Nella nottata tra il 26 e il 27 luglio si terranno i quarti di finale e le semifinali, prima di far calare il sipario la notte successiva (27-28 luglio) con le finali e le annesse premiazioni. Si dovrà tener conto poi delle variabili meteo e la deadline è fissata fino al 1° agosto.

A prendere parte dalla manifestazione olimpica saranno venti uomini e venti donne. Il format è molto chiaro e valido per entrambi i generi: nel primo turno ci saranno cinque heat da quattro surfisti: i primi due di ogni heat avanzeranno direttamente al terzo turno, mentre gli altri due non verranno eliminati ma andranno al secondo. In quest’ultimo caso ci saranno due batterie da cinque surfisti e i primi tre completeranno il roster dei qualificati al terzo round e gli ultimi due saranno eliminati. Dal terzo turno ci saranno heat da due, ovvero tutti scontri diretti: chi vince passa al turno successivo e chi perde viene eliminato. Il terzo round prevede otto batterie, a seguire ci saranno i quarti di finale, semifinali e finali per il primo/secondo posto e il terzo/quarto posto.

I FAVORITI

In ambito maschile il Brasile ha tutto per dominare la scena. Gabriel Medina (n.1 del ranking) e Italo Ferreira (n.2 del mondo) possono monopolizzare la scena, forti dei riscontri in stagione. L’unico elemento che merita attenzione e contrario al duo verdeoro è stato il contrattempo con cui ha dovuto fare i conti Ferreira, ovvero lo smarrimento della propria tavola all’aeroporto. Una perdita di tempo che il surfista sudamericano si sarebbe risparmiato volentieri, ma che comunque è stato risolto con l’acquisizione di un nuovo “strumento” di gara. I principali avversari dei brasiliani potrebbero essere gli americani Kolohe Andino e John John Florence, vincitore quest’ultimo della prima tappa del Tour di questa stagione, ovvero a Oahu (Hawaii) dove Florence seppe prevalere in Finale proprio contro Medina. Da osservare con attenzione il padrone di casa Kanoa Igarashi, n.6 del ranking e terzo nell’ultima uscita stagionale in California. La conoscenza della sede di gara e le sue qualità potrebbero fare la differenza.

LE FAVORITE

Per quanto concerne le donne, l’americana Carissa Moore, leader del ranking mondiale, vorrà porre il proprio sigillo anche in chiave olimpica, ma attenzione perché il roster delle avversarie è particolarmente agguerrito. Si parte dalla francese Johanne Defay, a segno nell’ultimo round in California e in crescita esponenziale nel corso dell’annata. C’è poi la fortissima coppia australiana formata da Sally Fitzgibbons e Stephanie Gilmore: la prima vincitrice in stagione, tra le altre cose, degli ISA World Surfing Games a El Salvador e la seconda autentica leggenda della tavola con 7 titoli iridati in bacheca. Attenzione poi alla brasiliana Tatiana Weston-Webb, più volte piazzata nella top-3 nel Tour 2021 e quindi in grado di fare piuttosto bene.

LEONARDO FIORAVANTI

Ad affrontare le onde della baia della Tsurigasaki Surfing Beach ci sarà anche Leonardo Fioravanti, unico rappresentante dell’Italia. L’azzurro, ripescato per la defezione del sudafricano Jordy Smith (infortunato), vorrà giocarsi al meglio la sua chance e le motivazioni non mancano di certo per gare bene: “Le onde in questi ultimi tre giorni sono state abbastanza divertenti, molto piccole ma divertenti. La cosa bella è che per le gare arriverà una grande mareggiata, quindi le condizioni saranno completamente diverse. Il posto è bello, il Giappone è un posto incredibile come i giapponesi, la struttura, le regole. È tutto una cosa unica. Non vedo l’ora di partecipare domani alla cerimonia a rappresentare l’Italia e fare il fuoco. Per far vedere a tutti che siamo italiani e fieri di rappresentare l’Italia, poi tornare qui e partire con il lavoro. La preparazione al momento è perfetta, mi sento più che in forma, le tavole vanno benissimo. È tutto pronto, ci siamo“, le sue parole all’Ansa.

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Olimpiadi Tokyo. Danilo Gallinari: “Girone difficile, ma siamo un gruppo pazzo”

F1, GP Italia 2021: ufficiale! A Monza si disputerà la seconda Qualifying Race della stagione