Sollevamento pesi, Giorgia Bordignon: “Prima di salire in pedana, non ho voluto sapere i chili da sollevare…”

Dopo il bronzo di Mirko Zanni, il sollevamento pesi continua a regalare medaglie alle Olimpiadi di Tokyo, con Giorgia Bordignon che è riuscita a conquistare uno storico argento, arrendendosi solamente alla canadese Maude Charron, alzando in totale 232 kg.

Devo ancora realizzare quello che ho fatto“, ha dichiarato l’azzurra al termine della gara, nelle parole riportate dal sito Sportmediaset, piene di gioia e stupore, in quella che come annunciato prima della partenza è stata la sua ultima competizione della carriera.

Le cose stanno cambiando, c’è una nuova generazione – ha sottolineato Bordignon, dopo un podio molto difficile da pronosticare alla vigilia – Ora chi sta vincendo sono le persone che stanno affrontando le loro paure, e se lo meritano davvero“.

Credo che realizzerò tra qualche giorno. So solo che con questa medaglia ho scritto la storia della pesistica italiana. Onestamente, visti gli allenamenti degli ultimi giorni, non mi aspettavo di fare così bene: non sono riuscita ad andare oltre i 101 di strappo e i 121 di slancio, ero sfiduciata. Poi oggi, qui, non so cosa sia successo, a questo punto credo che Sebastiano (Corbu, il DT della Nazionale, n.d.r.) abbia la bacchetta magica!”, racconta al sito federale la nativa di Gallarate.

Io non ho voluto sapere i chili che andavo a sollevare, prima di salire in pedana – rivela la nuova vice-campionessa olimpica dei 64 kg – Dei 104 me n’ero accorta, mentre dei 128 non lo sapevo. Me lo ha detto Pietro (Roca, tecnico della Nazionale) solo dopo che sono scesa. Prima dell’ultima alzata però Sebastiano mi ha detto: ‘Dimostrami quante palle hai’ e io l’ho fatto! Non era però ancora detta l’ultima parola perché le mie avversarie dovevano ancora terminare la propria gara: quando poi l’inglese ha sbagliato non ce l’ho fatta più e ho abbracciato Sebastiano, Pietro e Gonario (Corbu, Tecnico della nazionale) piangendo”.

A proposito del futuro, l’azzurra non vuole ancora sbilanciarsi: “Non so ancora cosa accadrà, so solo che voglio godermi questa medaglia e tutto quello che mi porterà”.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Simone Biles, la caduta di una Dea diventata umana. Una crisi mentale e una battaglia demoniaca da vincere

Vanessa Ferrari: “Medaglia di legno? Mi sono tolta il pensiero, così al corpo libero…”. L’Italia sfiora il bronzo alle Olimpiadi