Mountain Bike, Olimpiadi Tokyo: Tom Pidcock conquista l’oro con una prestazione favolosa. Caduto e ritirato van der Poel

Tom Pidcock conquista la medaglia d’oro nella prova olimpica di mountain bike specialità cross country. Il britannico, autore di una prestazione favolosa, ha preceduto l’elvetico Mathias Flueckiger, l’unico capace di tenergli testa. Il terzo posto, invece, è andato allo spagnolo David Valero Serrano. Il tanto atteso duello tra Pidcock e Mathieu van der Poel, purtroppo, non è andato in scena. Il neerlandese, infatti, è finito malamente a terra nelle prime fasi di gara e non è riuscito a essere competitivo per il successo.

Il primo sussulto della manifestazione è stata proprio la caduta di van der Poel in discesa, avvenuta nel primo giro. Nel punto in cui Mathieu è caduto, era presente una rampa che, poi, è stata levata poco prima dell’inizio della gara. Questo, probabilmente, ha tratto in errore il figlio e nipote d’arte che non sapeva della modifica del tracciato. Il neerlandese, benché dolorante, è riuscito a ripartire. Alla fine della prima tornata, Nino Schurter è passato in testa e si è prodotto nella prima vera violenta accelerazione della gara. Dopo trenta minuti, la prova è realmente entrata nel vivo con un attacco di Tom Pidcock al quale hanno resistito solo lo stesso Schurter e Mathias Flueckiger.

In un secondo momento, sul terzetto di testa si è riportato il neozelandese Anton Cooper. Pidcock è ripartito all’inizio della quarta tornata, ma, ancora una volta, Schurter non gli ha lasciato spazio. Il campione uscente, però, a un certo punto ha ceduto sotto il forcing del giovane britannico. Al contrario, Flueckiger è riuscito a mantenere il contatto visivo con il giovane enfant prodige del Team Ineos.

Nel frattempo, van der Poel, dopo essersi comunque prodotto in una buona rimonta, si è ritirato a due tornate dal termine. Il fuoriclasse neerlandese era dolorante all’anca. Pian piano, col passare dei giri, Pidcock ha allargato la forbice tra sé e Flueckiger, diventando irraggiungibile anche per l’elvetico. Alle loro spalle, un incredibile David Valero Serrano, dopo una rimonta pazzesca, è riuscito a distanziare tutti gli altri e a conquistare il bronzo.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Scherma, Olimpiadi Tokyo: Daniele Garozzo vola in semifinale! Sconfitto Enzo Lefort

Tiro a volo, Olimpiadi Tokyo. Diana Bacosi: “Ho dato tutto, ho perso l’oro per un piattello. Nello sport può succedere. Sono contenta così”