Mountain bike, Mathieu van der Poel cade in discesa alle Olimpiadi! Ritiro e addio medaglia

Mathieu van der Poel è clamorosamente caduto in discesa e ha compromesso sensibilmente la possibilità di salire sul podio alle Olimpiadi di Tokyo 2021. L’olandese era il grande favorito della prova di mountain bike, ma dieci minuti dopo il via serrato è scivolato in un tratto in discesa.

Il vincitore del Giro delle Fiandre 2020, nonché Campione del Mondo di ciclocross per ben sei volte (è iridato in carica), è riuscito a rimontare in sella ma è visibilmente acciaccato e ha un ritardo superiore al minuto dalla testa di corsa. Al momento appare davvero difficile che riesca a inventarsi un numero da antologia per rientrare e giocarsi le medaglie nella prova che sulla carta avrebbe potuto dominare. Ricordiamo che si era ritirato dal Tour de France dopo aver indossato la maglia gialla durante la prima settimana.

Il portacolori della Alpecin-Fenix rimane in gara con grande caparbietà, per larghi tratti gira sugli stessi tempi dei battistrada, ma dopo tre quarti d’ora capisce che non può ottenere il risultato sperato e decide di ritirarsi. Mathieu van der Poel ha alzato bandiera bianca proprio mentre il britannico Thomas Pidcock rafforzava il primo posto con 12” di vantaggio sullo svizzero Mathias Flueckiger.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Scherma, Olimpiadi Tokyo: Daniele Garozzo conquista i quarti di finale all’ultima stoccata

Scherma, Olimpiadi Tokyo: Daniele Garozzo ai quarti nel fioretto. Eliminati Andrea Cassarà e Alessio Foconi