Golf femminile, Anannarukarn e Noh iniziano al comando l’Evian Championship 2021. Molinaro a metà classifica, male Nelly Korda

Si completa il primo giro dell’Evian Championship 2021, quarto Major della stagione femminile, e le cose si evolvono in una maniera piuttosto particolare per quel che concerne la testa della classifica. Al comando, con -6, c’è infatti la coppia composta dalla thailandese Pajaree Anannarukarn e dall’americana Yealimi Noh. L’una è una sostanziale novità a queste altezze, e viaggia al numero 113 del ranking mondiale, l’altra ha debuttato da pro lo scorso anno e sta già andando molto forte a nemmeno 20 anni.

Tutte nazionalità diverse per il gruppo in terza posizione (-5): ci sono l’americana Lauren Stephenson, la danese Emily Kristine Pedersen (vincitrice dell’ordine di merito sul Ladies European Tour nel 2020), la sudcoreana Jeongeun Lee6, la thailandese Atthaya Thitikul e la giapponese Ayaka Furue. Di tutte le citate tra primo e terzo posto, solo le due thailandesi completano il giro senza neanche un bogey.

All’Evian Resort Golf Club di Evian-les-Bains in ottava posizione ci sono un’ulteriore thailandese, Ariya Jutanugarn, la sudcoreana Hyo Joo Kim e l’australiana Sarah Kemp. Per più di un verso, le big sembrano essere come in attesa degli eventi nella quasi totalità: nel gruppo all’11° posto con -3 ci sono tra le altre la neozelandese Lydia Ko e la finlandese Matilda Castren, come pure l’altra Jutanugarn, Moriya.

In questo contesto, il 76° posto a +1 di Giulia Molinaro assume un valore diverso: ci sarà la possibilità, domani, di lottare per rientrare nel taglio per lei e per diversi altri nomi ancor più di spicco. Con lei la numero 2 del mondo, la sudcoreana Jin Young Ko, mentre più indietro ancora sono le due Korda: Jessica 88a a +2 e Nelly, che dei Rolex Rankings è numero 1, addirittura 99a a +3. La conclusione è che si è di fronte a un torneo difficile, e non poco.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Taekwondo, Olimpiadi Tokyo: i favoriti gara per gara. Dell’Aquila e Alessio provano a stupire

Beach volley, Campionato Italiano 2021. Chi si rivede a Cirò Marina? Mazzulla/Lo Re ripartono dalle qualificazioni!