F1, Sprint Race: esperimento fallito. Partenza e tanta noia, la pole non pole. La gente non ha capito niente

Non basta il duello tra Max Verstappen e Lewis Hamilton nel primo giro, non è sufficiente la partenza a razzo di Fernando Alonso condita da sei sorpassi nel giro di 5 km: la sprint race si è rivelata un esperimento fallito. La F1 ha voluto innovare e adottare questo nuovo format, ovvero una corsa veloce di 100 km: 25 minuti circa di gara, senza pit-stop, che assegnano punti ai primi tre classificati (3, 2, 1) e definiscono la griglia di partenza del Gran Premio vero e proprio, in programma domani pomeriggio sulla canonica distanza dei 300 km.

Un flop in Gran Bretagna, perché la prova odierna è stata oggettivamente noiosa. I due highlights sono quelli citati in apertura, ovvero Verstappen che sorpassa Hamilton al via prendendosi il primo posto e lo show di Alonso. Davvero troppo poco: per il resto un autentico serpentone senza possibilità di grossi scossoni, condito dall’errore di Sergio Perez e dal contatto da George Russell e Carlos Sainz. Nulla di davvero palpitante ed emozionante, nulla di diverso rispetto a quello che già succede la domenica e che è spesso stato ritenuto poco appassionante e avvincente.

Soprattutto si è generata una confusione esagerata tra gli appassionati ed è quello che non deve mai succedere: le regole devono essere semplicissime e ben comprensibili da tutti, senza spiegazioni arzigogolate e ragionamenti da “fisica nucleare”, altrimenti si allontana lo spettatore medio e l’interesse scema. La F1 cercava di avvicinarsi alle grandi masse ma questa operazione non è stata certo convincente. Le qualifiche anticipate al venerdì, ma che non assegnavano la pole position a livello statistico: Lewis Hamilton ha firmato il giro più veloce e oggi è partito primo, ma non conta nulla.

Oggi Max Verstappen ha vinto la gara veloce e contestualmente ha conquistato la pole position per il GP canonico, questa sì valida ai fini statistici ma che in realtà è il successo di una gara vera e propria. Siamo nell’empireo delle pole position fantasma, davvero troppo. Troppa confusione anche con i nomi: qualifiche il venerdì e qualifiche sprint il sabato, ma quella del sabato è in realtà una corsa… Tanti dettagli da sistemare se si vuole andare avanti con questo progetto, per il momento sonoramente bocciato anche se a Silverstone c’erano sugli spalti 90.000 spettatori in visibilio. Il format dovrebbe ripetersi a Monza, ma staremo a vedere…

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

ATP Amburgo 2021, Pablo Carreno Busta e Filip Krajinovic in Finale sulla terra rossa tedesca

VIDEO F1, Charles Leclerc: “Passo buono, dobbiamo concretizzare in gara. Se partiamo bene…”