Basket, Olimpiadi Tokyo: la Spagna soffre un quarto, poi vince col Giappone

Esordio vincente per una delle favorite per il titolo, con la Spagna che ha bisogno di circa 10 minuti per ingranare la marcia giusta, ma poi scappa via e nulla può un Giappone volenteroso, ma che dopo aver agguantato il 26-26 cede di colpo, anche se cerca di riaprirla a fine terzo quarto.

Avvio forte della Spagna, che con Marc Gasol e Rubio scappa subito via sul 11-2. Un parziale di 5-0 riavvicina i padroni di casa, ma nuovamente gli iberici allungano con un controparziale di 7-0 con la tripla di Sergio Rodriguez. Si continua a parziali, con il Giappone che torna a -4 e match equilibrato con il primo quarto che si chiude 18-14.

Continua a provare a scappare la Spagna, che va a +5 a inizio secondo quarto, ma continua a rispondere il Giappone, con Togashi e Hachimura che con due triple trovano il 26 pari quasi a metà tempo. Fallo antisportivo di Gavin Earl Edwards, tripla di Ricky Rubio e Spagna che però si riporta subito sul +5. Ancora un canestro da oltre l’arco, questa volta di Llull, e iberici che scappano via sul 34-26. Questa volta i padroni di casa hanno accusato il colpo e il parziale sale sul 17-0 con la Spagna padrona del parquet e ancora due minuti di sofferenza per i nipponici. Ancora due punti per la Spagna prima che il Giappone trovi finalmente il canestro con il punteggio volato sul 48-28 per gli iberici al riposo.

Insiste la Spagna a inizio ripresa e mantiene agilmente i venti punti di vantaggio. Il match ora è in totale controllo di Gasol e compagni, che però a un paio di minuti dalla fine del terzo quarto hanno un passaggio a vuoto, Giappone che torna a -15 e obbliga il ct iberico al timeout. Giappone che insiste e va al riposo sul 56-69. Prova a riprendere il controllo del match la Spagna, che comunque resta stabilmente con un vantaggio in doppia cifra. E chiude senza rischiare con un netto 88-77.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Olimpiadi Tokyo, risultati e medaglie di oggi (26 luglio): Italia sul podio nel nuoto, nella scherma e nello skeet!

VIDEO Simona Quadarella, Olimpiadi Tokyo nuoto: la batteria dei 1500 sl