ATP Los Cabos 2021: Andreas Seppi presente nel tabellone messicano. Cameron Norrie prima testa di serie

Quinta edizione del torneo ATP 250 di Los Cabos in scena: in Messico è al via un evento che sta diventando tipico del panorama maschile estivo dell’estate. Si gioca al veloce all’aperto, e tre anni fa una delle migliori partite della carriera regalò a Fabio Fognini il successo finale sull’argentino Juan Martin del Potro, che poche settimane dopo sarebbe tornato in finale agli US Open.

Un solo azzurro al via del main draw: Andreas Seppi sfida l’australiano Alex Bolt, con il quale non ha mai giocato nonostante anche quest’ultimo sia da un po’ di tempo sul circuito (è passato professionista nel 2011). Il lato di tabellone è quello di John Isner, che ha messo da parte il capitolo olimpico per concentrarsi su altro nella carriera ormai alla sua fase finale.

Comanda il seeding il britannico Cameron Norrie, che si trova peraltro in una situazione nella quale può andare particolarmente avanti, visto che i soli pericoli sembrano essere una versione rinvigorita dell’australiano Thanasi Kokkinakis e, in semifinale, Taylor Fritz.

Da segnalare anche la presenza di Ivo Karlovic: il croato, primo vincitore di questo torneo nel 2016, continua a girare il mondo con il suo servizio-bomba, a 42 anni. Un tributo alla voglia di continuare, in sostanza, e all’amore per questo sport, perché alla sua età è questo che spinge ancora avanti.

ATP 250 LOS CABOS: IL TABELLONE

Norrie (GBR) (1)-Bye
Qualificato-E. Ymer (SWE)
Kokkinakis (AUS) (WC)-Kudla (USA)
Qualificato-McDonald (USA) (8)

Fritz (USA) (3)-Bye
Gojowczyk (GER)-Marchenko (UKR)
Qualificato-Uchiyama (JPN)
Lopez Villasenor (MEX) (WC)-Johnson (USA) (6)

Thompson (AUS) (5)-Karlovic (CRO) (WC)
Rodionov (AUT)-Ofner (AUT)
Nakashima (USA)-Wolf (USA)
Bye-Querrey (USA) (4)

Seppi (ITA) (7)-Bolt (AUS)
Gomez (ECU)-Qualificato
Jung (TPE)-Donskoy (RUS)
Bye-Isner (USA) (2)

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ginnastica, Oksana Chusovitina leggendaria: ottava Olimpiade a 46 anni! Eguaglia Josefa Idem e insegue i record

F1, Ross Brawn promuove la Sprint Race: “E’ stata una giornata fantastica, l’idea è ottima”