Atletica, Olimpiadi Tokyo: Luminosa Bogliolo in semifinale sui 100 ostacoli, eliminata Di Lazzaro

Luminosa Bogliolo fa il suo con grande facilità, esce bene dai blocchi di partenza (0.153 il tempo di reazione) e interpreta una buona gara, riuscendo a chiudere in 12.93. La ligue si qualifica con facilità alle semifinali dei 100 metri ostacoli alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Sono tempi che l’azzurra ha nelle corde e che ormai firma con continuità, anche se per sperare in qualcosa in più bisognerà provare a firmare il record italiano, obiettivo attorno al quale si aggira da ormai un paio di stagione. La 26enne chiude in terza posizione e strappa direttamente la qualificazione alle semifinali (passavano le prime quattro), venendo preceduta soltanto dalla quotatissima statunitense Kendra Harrison (12.74) e dall’australiana Liz Clay (12.87).

Elisa Maria Di Lazzaro si deve invece accontentare del quinto posto nella sua batteria col tempo di 13.08, a quattro centesimi dalla quarta piazza occupata dalla bahamense Pedrya Seymour. L’azzurra resta quindi fuori dalle semifinali, non agguantando uno dei quattro tempi di ripescaggio (servivano otto centesimi in meno) anche a causa del forte vento contrario (-1,2 m/s). Nella sua serie la migliore è stata la forte giamaicana Britany Anderson (12.67) davanti alla statunitense Christina Clemons (12.91) e all’ungherese Luca Kozak (12.97).

La più veloce in assoluto è stata la portoricana Jasmine Camacho-Quinn (12.41) che nella sua batteria ha regolato la giamaicana Megan Tapper (12.53) e la belga Anne Zagre (12.83). Bene anche la nigeriana Tobi Amusan, che si impone in 12.72 nella terza batteria sulla giamaicana Yanique Thompson (12.74) e sulla polacca Pia Skrzyszowska (12.75). La costaricana Andrea Carolina ribadisce la propria caratura con uno stupendo personale di 12.71, battendo per un centesimo l’olandese Nadine Visser e di 0.12 la statunitense Gabriele Cunningham.

Foto: FIDAL/Colombo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Atletica, sbracciata imperiale di Daisy Osakue! Pazzesco record italiano alle Olimpiadi: il disco vola, pass per la finale

Equitazione, Olimpiadi Tokyo: l’Italia del completo è ultima al termine del dressage