MotoGP, Marc Marquez torna a vincere dopo oltre un anno e mezzo. Ma su altre piste non sarà così facile

Oggi Marc Marquez ha scritto una pagina di storia del Motomondiale. Punto. Lo spagnolo ha vinto il Gran Premio di Germania, ottavo appuntamento del Mondiale di MotoGP 2021, sul tracciato del Sachsenring, quella che ormai si può considerare ufficialmente come la sua seconda casa.

Dopotutto lo spagnolo sul tracciato teutonico vince ininterrottamente dal 2010. All’epoca era ancora in Moto3, quindi due affermazioni nella classe mediana, infine dal 2013 ad oggi, filotto completo nella classe regina. Solamente la pandemia ha fermato la sua striscia, dato che nella stagione 2020 non si è corso il Gran Premio di Germania. Per il resto MM su questo tracciato non ha mai fatto prigionieri. Oggi, tuttavia, ha centrato la vittoria più bella di queste 11 e, forse, una delle più significative delle sue 83 in carriera.

Dopo mesi di dubbi, dopo tre operazioni, dopo tante voci su Marquez “non più imbattibile”, oggi il fuoriclasse di Cervera ha dato la risposta migliore. Sul campo. Partendo a razzo, prendendo la testa della corsa e non mollandola più fino al traguardo. Un successo di importanza capitale, proprio sul tracciato nel quale tutti si aspettavano la “zampata”. Sia perché è il circuito con più curve a sinistra in rapporto a quelle destre di tutto il calendario, sia perché in questo modo poteva risparmiare lo sforzo sul suo celebre braccio destro.

Questa affermazione potrebbe davvero segnare il ritorno ufficiale del Cabroncito. Ora il morale del catalano sarà nuovamente ad altissimi livelli anche se, oggettivamente, su altre tipologie di piste MM sarà chiamato ad uno sforzo fisico ben differente. Lo rivedremo con più frequenza ai piani alti, su questo non c’è dubbio, ma ripetere una vittoria simile non sarà facile. Per il momento non ci rimane che fare i complimenti al portacolori della Honda e dargli il bentornato, ora il Mondiale MotoGP 2021 può davvero dirsi completo.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Basket femminile, Lino Lardo: “Pensavamo di aver vinto, bene il secondo posto”

F1, Sergio Perez sempre più affidabile. Pedina cruciale per la Red Bul per il titolo costruttori