Motocross, GP Russia MXGP 2021: comincia la corsa al titolo, Tony Cairoli outsider di lusso a Orlyonok

Dopo oltre sette mesi di attesa, riparte finalmente il Mondiale Motocross! Quest’oggi va in scena ad Orlyonok il Gran Premio di Russia 2021, round inaugurale di una nuova stagione che si preannuncia molto intensa e altamente spettacolare. In MXGP il livello del campo partenti è sempre più stellare, con svariati campioni del mondo ai nastri di partenza del campionato e diversi outsider pronti a stupire.

Si gareggia su un tracciato situato sulle rive del Mar Nero e caratterizzato da 1.650 metri su fondo duro, che consentono ai centauri di girare ad una velocità media abbastanza sostenuta nel corso del giro. Tony Cairoli è sempre la punta di diamante della truppa azzurra (che comprende in Russia anche Ivo Monticelli e Alessandro Lupino), dopo aver chiuso in terza posizione la classifica generale dell’ultimo Mondiale, con il sogno di lottare fino in fondo per provare a raggiungere il decimo titolo iridato della carriera a 35 anni.

Il siciliano rivestirà il ruolo di outsider di lusso nella battaglia per il campionato, mentre i grandi favoriti saranno altri. Tim Gajser ha vinto gli ultimi due Mondiali in MXGP e punta ad un clamoroso tris con la Honda, ma il 24enne sloveno dovrà vedersela in primis con il fuoriclasse olandese Jeffrey Herlings. L’alfiere della KTM si è ormai ripreso dall’infortunio che lo ha messo fuori gioco nel 2020 e vuole tornare sul trono iridato a tre anni di distanza dal trionfo del 2018.

Dopo una stagione da rookie molto positiva, in cui è andato in crescendo fino allo stop causa Covid, ci si aspetta molto quest’anno da Jorge Prado. Il baby fenomeno spagnolo, compagno di Cairoli in KTM Factory con il Team De Carli, è decisamente il più forte del lotto in partenza e sembra ormai pronto a giocarsi il titolo con i mostri sacri di questa categoria. Da non sottovalutare infine il francese Romain Febvre su Kawasaki (4° nel 2020 saltando due tappe per infortunio) e lo svizzero Jeremy Seewer su Yamaha (vice-campione del mondo 2019 e 2020).

Credit: Infront

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Roland Garros 2021, la finale: Djokovic per puntare alla storia, Tsitsipas vuole il primo grande acuto

Calcio, Europei 2021: Inghilterra-Croazia il big match di oggi. L’Olanda all’esordio contro l’Ucraina