Giro di Slovenia 2021, Tadej Pogacar fa subito il vuoto! Oltre un minuto a Mohoric e Ulissi, 4° Sobrero

Il Giro di Slovenia 2021 ha già il suo padrone in Tadej Pogacar. Il fenomeno della UAE Team Emirates trionfa nella seconda tappa della corsa di casa, da Zalec a Celje di 147 chilometri, partendo a 25 chilometri dal traguardo e distanziando tutti i suoi più diretti rivali in classifica generale: Matej Mohoric (Bahrain-Victorious) arriva secondo a 1’22”, battendo il compagno di squadra di Pogacar Diego Ulissi.

Giornata di oggi caratterizzata da una fuga partita dopo circa 25 chilometri; Alexander Konychev (Team BikeExchange), Sergio Nestor (Equipo Kern Pharma), Vlačeslav Kuznetsov (Gazprom – Rusvelo), Josu Extererria (Caja Rural – Seguros RGA), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces), Robert Scott (Canyon DHB SunGord), Kasper Andersen (Team Coloquick), Alan Banaszek (HRE Mazowsze Serce) e Daniel Bingham (Ribble Weldtite Pro prendono il largo, ma non superano il muro dei tre minuti.

L’attacco dei nove fuggitivi viene infatti rintuzzato sulla salita di Svetina, e ai -25 dal traguardo Pogacar scatta e va via indisturbato, con un terzetto composto da Matteo Sobrero (Astana-Premier Tech) e da Diego Ulissi e Rafal Majka, che da compagni dello sloveno non hanno nessuna intenzione di ricucire. Da dietro rientrano Mohoric, Tanel Kangert (Team BikeExchange), James Shaw (Ribble Weldtite), Giovanni Carboni (Bardiani CSF Faizanè) e Jan Polanc (UAE Team Emirates); la squadra emiratina ha così il controllo della corsa e permette a Pogacar di gestire al meglio il vantaggio, che si protrae fino agli 82 secondi del finale.

In questo modo Pogacar mette già una pesante ipoteca sul Giro di Slovenia, ponendosi già in vantaggio di più di un minuto sui vari avversari a tre frazioni dal termine della breve corsa a tappe europea. Non una sorpresa, conoscendo le qualità del vincitore dell’ultimo Tour de France, voglioso di ripetersi nell’edizione 2021.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Roland Garros 2021, Matteo Berrettini: “Mi sono avvicinato al livello di Djokovic, lavoro per continuare a crescere”

Basket femminile: Akronos Moncalieri, è promozione in Serie A1 dopo la vittoria nella serie sul Sanga Milano