America’s Cup, Max Sirena: “Luna Rossa avrà nuovi progettisti. Vogliamo fare ancora meglio”

Luna Rossa ha accarezzato la America’s Cup durante l’ultimo inverno. L’equipaggio italiano ha affrontato Team New Zealand in una finale pirotecnica nella baia di Auckland, ha tenuto testa ai Kiwi fino al 3-3, poi alla lunga è emersa la qualità tecnica dei detentori della Vecchia Brocca e il trofeo sportivo più antico al mondo è rimasto nelle mani di Peter Burling e compagni. Il sodalizio del patron Patrizio Bertelli ci riproverà nella prossima edizione, che al momento non ha ancora una data e una località fissata (si potrebbe però andare via da Auckland, visto che New Zealand avrebbe rinunciato all’offerta di 60 milioni di euro avanzata dal Governo Nazionale).

Max Sirena, skipper di Luna Rossa, sta già imbastendo la prossima campagna. Dovrebbero essere confermati i due timonieri James Spithill e Francesco Bruni (impegnati in questo weekend nel SailGP a Taranto) e ha confessato che la compagine tricolore potrà fare affidamento su nuovi progettisti, in modo da realizzare una barca ancora più performante e in grado di strappare la Coppa America dalle mani degli attuali padroni. Il velista riminese ne ha parlato in un’intervista concessa al Corriere di Bologna: “Diciamo che Luna Rossa va avanti senza Max Sirena, ma Max Sirena non so se andrebbe avanti senza Luna Rossa. Stiamo lavorando tantissimo anche in questi giorni. Siamo un piccolo gruppo di persone, stiamo per prendere nuovi progettisti, nuovi velisti, una nuova base di ripartenza per ricostruire il team“.

Lo skipper ha proseguito: “Vogliamo creare un gruppo per ripartire e per arrivare dove eravamo arrivati e anche per migliorare. Quindi dobbiamo ripeterci — e già sarà dura — e poi dovremo provare a vincere. Il defender della Coppa America, New Zealand detterà le regole della prossima edizione, noi appena si potrà lanceremo la sfida“. Il 17 giugno scadrà la finestra per la trattativa tra i Kiwi e il Governo neozelandese per cercare di mantenere la competizione nel Golfo di Auckland. Va precisato che il Challenger of Record, ovvero il primo degli sfidanti è Ineos Uk. Entro quella data sapremo qualcosa in più riguardo a data e location della prossima edizione, l’ufficialità arriverà massimo entro la fine di settembre: alcune voci spingono verso il Medio Oriente, tra 2023 e 2024. Luna Rossa attende.

Foto: Luna Rossa Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Judo, Mondiali 2021: Francesca Milani si arrende a Wakana Koga negli ottavi di finale dei -48 kg, ma vola alle Olimpiadi

F1, Lewis Hamilton: “Le gomme si surriscaldano troppo in fretta, non possiamo attaccare”