Tuffi, la Gran Bretagna domina dalla piattaforma 10 metri syncro. Niente pass per Larsen-Timbretti Gugiu

La seconda gara della Coppa del Mondo 2021 di tuffi, in corso a Tokyo, dopo l’impresa di Bertocchi/Pellacani dai tre metri per l’Italia, viene vinta dai favoriti britannici Lee/Daley dalla piattaforma dieci metri uomini, con la Gran Bretagna (453,60) che era comunque già qualificata ai Giochi assieme a Russia, Cina e Giappone. Gli ultimi quattro posti, al termine di una prova molto bella, diremmo un’autentica battaglia dalla piattaforma, vengono conquistati da Ucraina (con il 16enne Sereda), Corea del Sud, Messico e Canada. Fuori Germania e Stati Uniti! Penultimo posto in classifica per gli azzurri Larsen/Timbretti Gugiu, alla seconda gara assieme in due anni, già bravi a raggiungere l’ultimo atto e tutto sommato, a parte i due tuffi centrali, più che discreti nelle loro esecuzioni. Graduatoria finale: Gran Bretagna, Messico, Canada, Ucraina, Corea del Sud, Germania, Russia, Stati Uniti, Malesia, Grecia, Italia, Giappone.

Ricordiamo che sono 46 i Paesi iscritti alla Coppa del Mondo, senza Australia e Corea del Nord come già ricordato. Nella gara dai 10m synchro uomini era assente la Cina, oro mondiale, e già sicura del pass. L’impianto che ospita le gare di Coppa del Mondo è lo stesso dei Giochi, nuovo di zecca. Domani prove synchro per piattaforma femminile (ore 9 italiane) e trampolino maschile (ore 11.00 italiane).

PRIMA SERIE

Si parte e ogni rotazione sarà aperta dagli italiani Larsen/Timbretti Gugiu, uno di origine canadese, l’altro romena, perché sono stati gli ultimi a qualificarsi per la Finale (da dodicesimi) e quindi sono da regolamento i primi a saltare nell’ultimo atto. La coppia azzurra porta come primo tuffo un ordinario ritornato carpiato, schiena all’acqua e rotazione in avanti, con un media del “7” (meglio dei preliminari), totalizzando 46,80. Cina, Russia e Gran Bretagna hanno già il pass in tasca per le Olimpiadi, oltre al Giappone padrone di casa. L’impresa è quasi ai limiti dell’impossibile per la coppia italiana, nuova di zecca, ma agli italiani si chiede solo di provare ad andare oltre i propri limiti, non l’impossibile. Ottima esecuzione della Grecia, mentre Sereda, il “bambino” 14enne a Gwangju 2019, ora 16enne, campione europeo in carica, è già trascinatore dell‘Ucraina, assieme al compagno Serbin. C’è ancora Hausding nella Germania, non più con Klein che si è ritirato dopo Rio 2016. Grecia e Corea del sud sorprendentemente davanti al termine del primo giro, con l’Italia 11esima assieme al Canada.

SECONDA SERIE

Apre l‘Italia con l’ordinario rovesciato carpiato, quindi fronte all’acqua, rotazione indietro; manca l’entrata pulita, ma l’esecuzione è molto migliore rispetto ai preliminari, tant’è vero che Larsen/Timbretti Gugiu arrivano subito a quota  94 punti contro i 79 della mattinata giapponese e 15 punti in più non sono pochi per gli azzurri, partiti con il piede giusto in Finale. Bravi. Gran salto per gli ucraini Sereda-Serbin con l’ordinario rovesciato carpiato, volano a quota 101.40, davanti al Giappone. Errore clamoroso dei coreani, che prendono 37.20 punti su un obbligatorio. C’è tempo comunque per recuperare. Devono ancora carburare Messico e Stati Uniti, ma dalla terza serie arriveranno poi quattro tuffi “liberi”. Risale in classifica il Canada. Ottima tecnica per i britannici, che portano un obbligatorio con avvitamento, sempre un po’ indigesto nei “liberi” per Daley. E i britannici volano in testa davanti a Ucraina, Giappone, Canada, Grecia. L’Italia è decima e guadagna due posizioni. Bene così.

TERZA SERIE

Partono i liberi. Per Larsen/Timbretti Gugiu un triplo e mezzo avanti carpiato decisamente sbagliato, soprattutto da Larsen, molto abbondante nell’ingresso in acqua; non bene nel synchro. Prendono solo 55,80, portando il totale a 150 punti dopo tre tuffi. Un peccato, sarebbe stato possibile rosicchiare altre posizioni in questo giro. Arriva il primo errore per i grechi, sullo stesso tuffo degli italiani, il triplo salto mortale e mezzo avanti, in posizione carpiato, codice 107B. E gli azzurri, nonostante tutto, rosicchiano qualcosa agli ellenici. Sereda sempre perfetto nel triplo e mezzo ritornato carpiato, meno bene Serbin, anche se complessivamente gli Ucraini prendono 70,08, venendo comunque scavalcati dalla Russia (già qualificata). Grande ingresso in acqua degli americani, ottimo tempismo nonostante l’inizio non in synchro: gli americani vanno sopra gli 80 punti e volando al comando con 178,56. Grande lotta per la qualificazione, tra Stati Uniti, Germania, Messico, Ucraina, con il Canada che sbaglia clamorosamente e finisce indietro in classifica. Grande chiusura dei britannici, sempre più in testa con 85,44 punti nel singolo parziale. A questo punto Stati Uniti, Germania, Messico e Ucraina sarebbe le Nazioni classificate per i Giochi assieme ai già qualificati Giappone, Cina, Russia, Gran Bretagna. Azzurri dodicesimi e ultimi, per ora, dietro alla Grecia.

QUARTA SERIE

Grande lotta per la qualificazione, tra Stati Uniti, Germania, Messico, Ucraina, con il Canada che sbaglia clamorosamente e finisce indietro in classifica. Grande chiusura dei britannici, sempre più in testa con 85,44 punti nel singolo parziale. A questo punto Stati Uniti, Germania, Messico e Ucraina sarebbe le Nazioni classificate per i Giochi assieme ai già qualificati Giappone, Cina, Russia, Gran Bretagna. Azzurri dodicesimi e ultimi, per ora, dietro alla Grecia.

QUINTA SERIE

Bene Larsen/Timbretti Gugiu su questo quinto tuffo, per altro molto difficile, un triplo e mezzo indietro raggruppato: la coppia italiana arriva vicina a quota 70 punti, con esecuzione e synchro da 7/6,5. Sbagliano Giappone e Grecia, gli azzurri, sempre dietro, si avvicinano. La Malesia, quasi sempre allenata dalla Cina, porta un meraviglioso quadruplo e mezzo ritornato raggruppato, con cui prende quasi 80 punti. La Russia deve rimontare e prende quasi 80 punti con due avvitamenti e mezzo. Bravi, sono ancora in gioco. Benissimo la Corea del Sud, molto vicina alla qualificazione. Tuffo da “5” per gli americani Dinsmore/LoSchiavo, che sembrano dire addio ai sogni di gloria. Britannici spettacolari, stanno facendo una gara da cinesi. Classifica: Gran Bretagna, Messico, Corea, Canada, Russia e Ucraina. In questo momento sarebbero fuori da Tokyo 2020 Stati Uniti e Germania. Chiudono Malesia, Grecia, Giappone e Italia.

SESTA SERIE

Chiusura per Larsen/Timbretti Gugiu più che buona, con un triplo e mezzo ritornato raggruppato da 67,20. Il totale dice 344,91. Ricordiamo che poi a metà maggio ci saranno anche i Campionati Europei di Budapest, ai quali gli azzurri prenderanno parte arrivando direttamente da Tokyo, senza rientrare in Italia. Sbaglia la Corea del Sud con il quadruplo e mezzo raggruppato, clamoroso: si riapre la corsa alla qualificazione olimpica. L’Ucraina ormai è passata e altra qualificazione per Sereda, dopo quella individuale dalla piattaforma. Germania alle spalle della Corea del sud per soli 29 centesimi, i coreani hanno rischiato grosso! Errore anche per gli americani che non rientrano in gioco, quindi fuori gli Stati Uniti dai Giochi in questa prova. Le ultime squadre qualificate sono Ucraina (con il 16enne Sereda), Corea del Sud, Messico e Canada. Azzurri penultimi e comunque bravi.

FOTO: La Presse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

LIVE Tuffi, Coppa del Mondo in DIRETTA: Bertocchi-Pellacani terze e qualificate ai Giochi!!! Larsen-Gugiu undicesimi dai 10m

Giro d’Italia 2021, diciassettesima tappa Canazei-Sega di Ala: la Corsa Rosa riprende, dopo l’ultimo giorno di riposo, con un arrivo in salita durissimo