Tuffi, Europei Budapest 2021: dalla piattaforma 10m vince Bondar, Giovannini dodicesimo

È il russo nato in Ucraina, Aleksandr Bondar, il nuovo campione d’Europa della gara storicamente più prestigiosa, quella dalla piattaforma dieci metri uomini. La sfida attesa a tre c’è stata eccome, tra Bondar, Daley e Minibaev, non a caso unici atleti oltre 500 punti. Alla fine si è imposto l’ex ucraino (uno dei pochissimi, se non l’unico atleta, a fare il percorso inverso, dall’Ucraina alla Russia, e per questo minacciato più volte), grazie a una chiusura perfetta con il doppio e mezzo indietro con due avvitamenti e mezzo. Qualche errore qua e là per Daley, argento, con Minibaev bronzo, a certificare il primo posto nel medagliere dei tuffi della Russia.

Per l’Italia dodicesimo e ultimo posto per Riccardo Giovannini, già bravo ad agguantare un posto tra i magnifici 12 della finale. In realtà la sua prova è stata più che discreta, ma ha pagato caro l’unico errore pesante commesso, quello nel triplo salto mortale indietro, con partenza dalla verticale. Per lui, alla fine, 342,90 punti. Ma il bilancio dell’Italia dei tuffi all’Europeo è sontuoso, con ben sette medaglie (5 per Pellacani) e due ori. Da domani toccherà ai nuotatori in corsia.

FINALE PIATTAFORMA 10M UOMINI

 RANKING
RANK NAT NAME BORN TOT GAP
1
 RUS
BONDAR Aleksandr 25 OCT 1993 564.35 (6)
2
 GBR
DALEY Thomas 21 MAY 1994 533.30 (6) 31.05
3
 RUS
MINIBAEV Viktor 18 JUL 1991 530.05 (6) 34.30
4
 GER
BARTHEL Timo 03 APR 1996 499.10 (6) 65.25
5
 GBR
WILLIAMS Noah 15 MAY 2000 480.65 (6) 83.70
6
 UKR
SEREDA Oleksii 25 DEC 2005 459.50 (6) 104.85
7
 GER
EIKERMANN G. Jaden 14 FEB 2005 428.60 (6) 135.75
8
 ROU
POPOVICI Constantin 02 OCT 1988 426.30 (6) 138.05
9
 SWE
PARADZIK Vinko 09 OCT 1992 419.20 (6) 145.15
10
 ARM
HARUTYUNYAN Vladimir 18 JUL 1998 389.50 (6) 174.85
11
 UKR
SERBIN Oleh 11 AUG 2001 363.95 (6) 200.40
12
 ITA
GIOVANNINI Riccardo 14 MAR 2003 342.90 (6) 221.45

 

FOTO: La Presse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Internazionali d’Italia, Rafael Nadal: “Sono stato fortunato. Dopo 16 anni sono ancora qui”

Ginnastica, la Pro Patria Bustese vince il suo primo Scudetto al maschile. Bartolini ed Edalli in spolvero