NBA 2021, i risultati della notte (4 maggio): Danilo Gallinari trascina gli Hawks, ai Lakers il big match con i Nuggets

Molto interessanti le indicazioni giunte dall’appena trascorsa notte NBA, e tra queste un primato storico: Carmelo Anthony, con i suoi 14 punti di oggi, diventa il decimo miglior marcatore della storia della lega professionistica americana, superando la stella degli Anni ’70 e ’80 Elvin Hayes a quota 27.318 punti. Prossimo obiettivo: Moses Malone, che si trova a 27.409.

Questo grande risultato individuale, unito ai 33 punti di Damian Lillard, non basta però ai Portland Trail Blazers (36-29): a batterli sono infatti gli Atlanta Hawks (36-30) di un grande Danilo Gallinari, autore di 28 punti in 31’43”, in uscita dalla panchina, ben aiutato da Bogdan Bogdanovic (25) e da Trae Young (21 e 11 assist). Gli Hawks continuano così il loro inseguimento al quarto posto nella Eastern Conference occupato dai New York Knicks (37-28), vittoriosi sui Memphis Grizzlies (32-32) per 104-118 grazie alla coppia d’assi Julius Randle-Derrick Rose, 28 e 25 punti rispettivamente. Dall’altra parte 25 di Dillon Brooks e 16 di Desmond Bane.

Tutte (o quasi) le attenzioni della serata americana sono però rivolte alla sfida di vertice a Ovest tra Los Angeles Lakers (37-28) e Denver Nuggets (43-22); sono i gialloviola a portare a casa la vittoria con un importante 93-89, ancor più in relazione alla sconfitta dei Blazers, dato che la missione dei campioni NBA è di evitare il play-in. Decisiva la difesa dei Lakers nel finale, così come i 25 punti di Anthony Davis e il valido apporto della panchina con Talen Horton-Tucker e Marc Gasol; dall’altra parte non bastano i 32 di Nikola Jokic. Gli Utah Jazz (47-18), intanto, se ne rimangono tranquillamente al comando della Western Conference con il 110-99 sui San Antonio Spurs (31-33): Bojan Bogdanovic ne mette 25, Rudy Gobert 24 e 15 rimbalzi. Sul fronte opposto 22 di DeMar DeRozan e 17 di Rudy Gay.

A proposito di leader, quelli che lo sono a Est, i Philadelphia 76ers (43-21) dispongono senza grandi problemi dei Chicago Bulls (26-39) per 94-106, trovando punti un po’ da tutti nel quintetto: 21 di Tobias Harris, 20 di Seth Curry, 15 di Ben Simmons, 14 di Danny Green, 13 con 10 rimbalzi di Joel Embiid. Per i Bulls 23 di Coby White. In ulteriore chiave play-in, ma a Ovest, i Golden State Warriors (33-32) battono i New Orleans Pelicans (29-36) per 108-123, e sono due i grandi protagonisti: Steph Curry con 41 punti e Draymond Green con la tripla doppia da 10, 13 rimbalzi e 15 assist. 2’29” in campo, senza punti, ma con un assist e una palla rubata, per Nico Mannion. Sul fronte opposto non bastano i 32 di Zion Williamson.

Fuochi d’artificio tra Washington Wizards (30-35) e Indiana Pacers (30-34): il 154-141 arriva, anche se sembra incredibile a dirsi, nei 48 minuti regolamentari. I Pacers trovano sì Domantas Sabonis da 32 punti e 19 rimbalzi e Caris LeVert che dice 33, così come otto uomini in doppia cifra, ma i Wizards fanno di meglio: tripla doppia da 14 punti, 21 rimbalzi e 24 assist di Russell Westbrook, 27 punti di un ispiratissimo Rui Hachimura e ben 9 uomini oltre quota 10, di cui cinque dalla panchina. Infine, nelle posizioni di rincalzo, vincono gli Orlando Magic (21-44) sui Detroit Pistons (19-46) per 112-119 con 22 punti e 15 rimbalzi di Mo Bamba partendo come nono della rotazione e nonostante i 26 di Saddiq Bey.

I RISULTATI DELLA NOTTE NBA

Detroit Pistons-Orlando Magic 112-119
Washington Wizards-Indiana Pacers 154-141
New Orleans Pelicans-Golden State Warriors 108-123
Atlanta Hawks-Portland Trail Blazers 123-114
Chicago Bulls-Philadelphia 76ers 94-106
Memphis Grizzlies-New York Knicks 104-118
Utah Jazz-San Antonio Spurs 110-99
Los Angeles Lakers-Denver Nuggets 93-89

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Olimpia Milano-Bayern Monaco oggi, Eurolega basket: orario, tv, programma, streaming gara-5

Giro d’Italia 2021: Vincenzo Nibali, recupero lampo e obiettivo tappe. Pensando alle Olimpiadi