Judo, Grand Slam Kazan: i convocati dell’Italia. 15 azzurri in gara, presente Fabio Basile

Penultimo evento di qualificazione olimpica ormai alle porte per la Nazionale Italiana di judo, che si appresta ad affrontare il Grand Slam di Kazan 2021 da mercoledì 5 a venerdì 7 maggio. Sui tatami della Tatneft Arena andrà in scena il quinto Grand Slam stagionale, l’ultimo prima dei Mondiali di Budapest e dei Giochi Olimpici di Tokyo 2021.

Il Bel Paese sarà protagonista in Russia con una spedizione di 15 atleti, di cui 8 uomini e 7 donne: Diego Rea, Andrea Carlino (60 kg), Carmine Di Loreto, Mattia Miceli (66 kg), Giovanni Esposito, Fabio Basile (73 kg), Antonio Esposito (81 kg) e Nicholas Mungai (90 kg) in campo maschile; Francesca Giorda, Francesca Milani (48 kg), Veronica Toniolo (57 kg), Maria Centracchio, Nicolle D’Isanto (63 kg), Alice Bellandi (70 kg) e Giorgia Stangherlin (78 kg) nel settore femminile.

Assenti tre punte del movimento tricolore come Manuel Lombardo, Odette Giuffrida e Christian Parlati, già virtualmente qualificati per l’Olimpiade, che hanno deciso di saltare la gara di Kazan per proseguire nel migliore dei modi la preparazione verso i prossimi appuntamenti.

Riflettori puntati inevitabilmente in casa Italia sulle categorie di peso ancora in bilico per il pass a cinque cerchi, dove ogni singolo combattimento potrebbe risultare decisivo per strappare un posto ai Giochi. Ballottaggio apertissimo nei 48 kg tra Giorda e Milani, che devono comunque ancora blindare la carta olimpica della Nazione, mentre Centracchio, Bellandi e Mungai sono chiamati ad un risultato di prestigio per fare un passo avanti verso Tokyo.

Fabio Basile sarà la stella della squadra azzurra in Russia, con l’obiettivo di salire sul podio per ipotecare definitivamente la qualificazione olimpica nei 73 kg, ma attenzione anche a due outsider di lusso come i fratelli Giovanni e Antonio Esposito. Da segnalare infine la presenza in gara di Giorgia Stangherlin e Veronica Toniolo, entrambe a caccia di un exploit per continuare a sognare il ripescaggio (tramite la quota continentale) per l’Olimpiade nelle rispettive categorie.

Foto: IJF

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pattinaggio artistico a rotelle: in Ecuador i Campionati Panamericani

Rugby, Manuela Furlan: “Nel Sei Nazioni ha inciso l’aspetto emotivo”