Giro d’Italia 2021, Vincenzo Nibali in fuga con onore e orgoglio. Le prossime occasioni per lasciare il segno

Vincenzo Nibali ci ha provato ancora una volta sulle strade del suo amato Giro d’Italia, onorandolo al meglio, sempre e comunque, nonostante tutto. La condizione non sarà di certo quella dei tempi migliori, ma in questa Corsa Rosa 2021, ciò che più si denota dalla tenuta dello Squalo dello Stretto, è il suo cuore immenso. Cuore che ha messo anche nella ‘devastata’ tappa regina da Sacile a Cortina d’Ampezzo senza Fedaia e Pordoi, rendendola comunque spettacolare. 

Il messinese della Trek-Segafredo era stato chiaro in quesi giorni, soprattutto dopo le critiche ricevute al termine della frazione dello Zoncolan, le giustissime e amorevoli difese della moglie Rachele, e le pressioni arrivate ieri a seguito della max-caduta in cui è rimasto coinvolto subendo fastidiosi dolori al costato. Vincenzo Nibali l’aveva detto: La parola ritiro non mi piace per niente. Onorerò il Giro d’Italia fino alla fine; e così è stato.

La sua voglia di farsi vedere sulle sue amate Alpi è più cristallina che mai. E proprio ieri Luca Guercilena, ds della Trek-Segafredo, aveva confermato che Nibali sarebbe andato a caccia di un successo di tappa durante gli ultimi giorni della Corsa Rosa: “Credo che il suo distacco in classifica farà sì che avrà maggiore libertà. Domani (oggi, ndr) o nel fine settimana potrà provarci“.

Infatti, più passano i giorni, più Vincenzo riesce sempre a reinventarsi sia nel suo ruolo di gregario di Giulio Ciccone, sia nelle sue chance personali. Proprio oggi sulla Crosetta, GPM di prima categoria con i suoi 11,6 km al 7,1% di pendenza media, praticamente subito dopo il via da Sacile, si è formata, sotto una pioggia battente ed incessante, la fuga di giornata. 24 uomini all’attacco, poi, in discesa, soltanto sei valorosi all’attacco davanti a tutti, e tra i più esperti di questi tracciati, proprio lo Squalo dello Stretto, con una di quelle pedalate che tanto hanno ricordato i momenti più belli e indelebili che Vincenzo ha lasciato sulle strade del Giro.

La vittoria non è arrivata, il forcing della EF Education Nippo, e poi l’attacco della maglia rosa Egan Bernal, non hanno lasciato vie di fuga ai battistrada e al due volte vincitore della Corsa Rosa, che aveva in mano un’occasione d’oro anche grazie al supporto del compagno di squadra Amanuel Ghebreigzabhier; ma più di così non si poteva fare. Nibali ha poi chiuso la tappa odierna al 17° posto a 7’16” da Bernal, recuperando comunque due posizioni in classifica e salendo al quindicesimo posto. 

Terminata la seconda settimana nonché le prime due frazioni alpine, e tre giorni di gara fatti di alti e bassi fra il tracollo dello Zoncolan, la caduta di Grado, e l’exploit di oggi, è tempo di riposare 24 ore prima di immergersi nelle ultime e decisive cinque tappe, e ancora tante Alpi e tante occasioni d’onoro per il siciliano.

La primissima sarà già mercoledì con la Canazei-Sega di Ala, seguita venerdì dalla Abbiategrasso-Alpe di Mera (Valsesia), e sabato con la Verbania-Valle Spluga/Alpe Motta. In tutte e tre le giornate il profilo altimetrico è a favore di Vincenzo, che ancora una volta potrebbe sfoderare la sua condizione in crescendo, ma soprattutto il suo grande cuore da veterano e intenditore della Corsa Rosa, nonché l’orgoglio di chi non si arrende così facilmente.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2021 Trek-Segafredo Vincenzo Nibali

ultimo aggiornamento: 24-05-2021


Lascia un commento

Giro d’Italia 2021, Davide Cassani: “Tagliare Fedaia e Pordoi? Decisione saggia, ma chi ha chiesto di non farli?”

VIDEO Giro d’Italia 2021, highlights tappa di oggi. Bernal attacca sul Giau e vince, Caruso stupendo 2° in classifica