Giro d’Italia 2021, la Ineos annuncia i suoi otto corridori. Presenti Egan Bernal, Pavel Sivakov e Filippo Ganna

Il Team Ineos ha presentato pochi istanti fa la formazione con cui prenderà parte all’ormai imminente Giro d’Italia 2021. Nonostante i problemi alla schiena, Egan Bernal, il vincitore del Tour de France 2019, farà il suo esordio sulle strade del grande giro nostrano. Il fuoriclasse colombiano non corre dalla Tirreno-Adriatico, ma dato l’enorme talento di cui dispone è comunque da considerarsi come uno dei favoriti principali per il successo finale.

Nel ruolo di luogotenente di Bernal troviamo il russo Pavel Sivakov, un altro giovane dal potenziale enorme, il quale, fin qui, in carriera, è stato un po’ rallentato dai problemi fisici. Due anni fa, però, Sivakov, a soli ventidue anni, fu nono nella graduatoria finale della Corsa Rosa e in questo 2021 proverà a migliorare quel piazzamento. Per quanto concerne la classifica generale, inoltre, la Ineos ha anche un’altra punta, vale a dire il colombiano Daniel Martinez, l’anno scorso re del Giro del Delfinato.

Al fianco di questi tre troviamo due dei corridori italiani più quotati, vale a dire Gianni Moscon, il quale è reduce da due successi di tappa al Tour of the Alps e proverà a conquistare qualche frazione anche alla Corsa Rosa, e Filippo Ganna, che è il favorito principale per la cronometro inaugurale di Torino.

A completare la formazione, infine, ci sono un altro azzurro, Salvatore Puccio, un gregario utile in ogni circostanza, il cronoman basco Jonathan Castroviejo, uomo di fiducia di Bernal utile sia in salita che in pianura, e l’ecuadoriano Jhonnatan Narvaez, il quale ha vinto il ballottaggio con il colombiano Ivan Sosa. Rispetto a quest’ultimo, Narvaez è meno forte sulle salite lunghe, ma è un atleta più solido che può dare una grossa mano, al contrario del compagno, su ogni terreno, dall’alta montagna agli sterrati.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Masters1000 Madrid, Matteo Berrettini non lascia scampo a Fabio Fognini e vince in due set

Champions League, Chelsea e Real Madrid si sfidano per la finale. Si parte dall’1-1 dell’andata