Giro d’Italia 2021, come sta Matej Mohoric dopo la caduta? Le condizioni dello sloveno

Una caduta mostruosa, un volo a trecentosessanta gradi per aria che è rimasto negli occhi di tutti. Per fortuna, al momento, senza gravi conseguenze. Nello spettacolo della nona tappa del Giro d’Italia 2021 c’è stata anche tanta preoccupazione per Matej Mohoric.

Lo sloveno della Bahrain-Victorious aveva allungato ed aveva tentato la fuga con altri compagni, ma in discesa ha perso il controllo del mezzo ed è stato sbalzato in avanti, cadendo e battendo il capo (indossava il casco) e poi la schiena. Il corridore in un primo momento sembrava addirittura essere pronto a ripartire, poi si è accasciato a terra ed è stato prontamente soccorso. Per lui ritiro e trasporto in ospedale in ambulanza.

Le parole confortanti del ds della Bahrain-Victorious Franco Pellizotti ai microfoni Rai: “Quando siamo arrivati Mohoric era cosciente e la prima cosa che ci ha detto è stata quella di chiamare la sua compagna, dandoci lui il numero di telefono. Dunque ci ha rassicurato molto. È stata una caduta molto particolare, non si sono mai viste cadute del genere. Una classica caduta da motociclismo, con il posteriore che non ha fatto più grip”.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2021 Matej Mohoric

ultimo aggiornamento: 16-05-2021


Lascia un commento

MotoGP, Francesco Bagnaia: “4° posto? Un po’ mi girano. Ho pregato per la pioggia, la prima moto aveva un problema”

MotoGP, Maverick Vinales: “Un errore mi è costato la gara, peccato perchè sull’asciutto andavo bene…”