Giro di Romandia 2021, tappa e maglia per Michael Woods! Geraint Thomas scivola sul traguardo e vede svanire il successo

La quarta tappa del Giro di Romandia 2021, quella regina, se la porta a casa Michael Woods (Israel Start-Up Nation). Il 34enne canadese vince meritatamente la Sion-Thyon 2000 grazie anche alla caduta di Geraint Thomas (Ineos-Grenadiers) che scivola nel rettilineo finale lasciando tappa e soprattutto maglia di leader al suo avversario. Il gallese lascia per strada 21 secondi e anche il secondo posto, appannaggio di Ben O’Connor (AG2R-Citroen), a 17″; gli 11″ di ritardo nella generale possono però essere recuperati agevolmente dal vincitore del Tour de France 2018 nella cronometro di domani. L’Italia si difende con Fausto Masnada (Deceuninck-Quick Step), quinto a 37″ e sesto nella generale a 45″, e Damiano Caruso (Bahrain-Victorious), ottavo a 52″ (nono a 1’04” in classifica). Dietro il siciliano c’è l’ex leader della generale Marc Soler (9° a 53″) apparso a disagio con il freddo e il gelo della giornata: lo spagnolo della Movistar è ora al quarto posto a 33″ da Woods.

Già dalla mattina si era intuito che la frazione avrebbe regalato più difficoltà del previsto, con la direzione gara che decide di anticipare la partenza di un paio d’ore a causa del meteo avverso. Non basta però per evitare che la corsa non si svolga sotto un tempo da lupi, con la pioggia che accompagna costantemente la corsa. Dopo una decina di chilometri se ne va la fuga di giornata: ci sono Magnus Cort Nielsen (EF Education-Nippo), Simone Petilli (Intermarché-Wanty-Gobert), Kobe Goossens, Matthew Holmes (Lotto-Soudal), Simon Pellaud (Team Svizzera), Mads Wurtz Schmidt (Israel Start-Up Nation) e Josef Cerny (Deceuninck-Quick Step). Il gruppo lascia spazio, con la fuga che nel corso della giornata tocca anche i sette minuti.

Nei tratti in salita la lotta è tra Goossens e Pellaud, che difende la maglia di miglior scalatore del compagno Joel Suter, ma quando poi si scende la nebbia in strada non permette ai corridori di poter intraprendere la discesa con le solite velocità. La direzione gara rientra dunque in gioco cambiando le carte in tavola, neutralizzando i tre chilometri successivi allo scollinamento del Suen a causa della bassa visibilità, ma le due volanti della giuria sembrano andare a velocità diverse: è così che, finito il tratto neutralizzato, il margine dei fuggitivi è risalito di due giri d’orologio, toccando nuovamente i cinque minuti e mezzo ai piedi dell’ultima salita.

Imboccata l’ascesa di Thyon 2000, davanti rimangono soltanto Cort Nielsen e Petilli, che vanno avanti d’amore e d’accordo per una decina di chilometri. Poi il danese della EF lascia la compagnia dell’azzurro, mentre dietro la Movistar comincia ad accelerare nel tratto più duro e a ridurre costantemente il vantaggio dei primi. Gli spagnoli fanno qualche vittima illustre come Marc Hirschi, Sepp Kuss e Wilco Kelderman, con il gruppo principale che rimane composto da dodici uomini. Lucas Hamilton (Team BikeExchange) apre le danze ai -5 dall’arrivo, seguito da Michael Woods e Fausto Masnada. Il canadese rilancia l’andatura e fa esplodere il gruppetto dei migliori, raggiungendo anche gli ultimi due fuggitivi proprio quando Petilli aveva ripreso Cort Nielsen. Dietro ci prova Ben O’Connor, ma poi si propongono Masnada e Geraint Thomas, con l’alfiere della Ineos-Grenadiers che poi mette la quinta e riprende Woods ai -2. Ci si aspetta la volata finale, ma sull’ultimo rettilineo il gallese perde l’equilibrio e cade, regalando la vittoria al canadese e perdendo anche la possibilità di vestire la maglia di leader della generale. Possibilità però ancora alla portata con la cronometro di domani.

GIRO DI ROMANDIA 2021, CLASSIFICA SION-THYON 2000

1 WOODS Michael Israel Start-Up Nation 60 50 4:58:35
2 O’CONNOR Ben AG2R Citroën Team 25 30 0:17
3 THOMAS Geraint INEOS Grenadiers 10 18 0:21
4 HAMILTON Lucas Team BikeExchange 13 0:34
5 MASNADA Fausto Deceuninck – Quick Step 10 0:37
6 PORTE Richie INEOS Grenadiers 7 0:42
7 IZAGIRRE Ion Astana – Premier Tech 4 ,,
8 CARUSO Damiano Bahrain – Victorious 3 0:52
9 SOLER Marc Movistar Team 2 0:53
10 ARENSMAN Thymen Team DSM 1 1:57

GIRO DI ROMANDIA 2021, LA CLASSIFICA GENERALE DOPO LA QUARTA TAPPA

1 16 ▲15 WOODS Michael Israel Start-Up Nation 10 17:37:35
2 2 – THOMAS Geraint INEOS Grenadiers 0:11
3 17 ▲14 O’CONNOR Ben AG2R Citroën Team 0:21
4 1 ▼3 SOLER Marc Movistar Team 0:33
5 3 ▼2 PORTE Richie INEOS Grenadiers 0:36
6 14 ▲8 MASNADA Fausto Deceuninck – Quick Step 0:45
7 11 ▲4 IZAGIRRE Ion Astana – Premier Tech 0:48
8 21 ▲13 HAMILTON Lucas Team BikeExchange 0:49
9 19 ▲10 CARUSO Damiano Bahrain – Victorious 1:04
10 7 ▼3 KELDERMAN Wilco BORA – hansgrohe 1:58

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallanuoto, Serie A1 2021: Trieste e Posillipo pareggiano, il Telimar Palermo va alle semifinali

Moto2, Remy Gardner in pole a Jerez col record della pista! L’Italia sogna con Di Giannantonio e Bezzecchi in prima fila