ATP Ginevra 2021: Casper Ruud e Denis Shapovalov conquistano la finale. Eliminati Andujar e Cuevas

Saranno Casper Ruud e Denis Shapovalov a giocarsi la finale dell’ATP di Ginevra 2021. Il norvegese ha vinto abbastanza agevolmente la semifinale contro lo spagnolo Pablo Andujar col punteggio di 6-3 6-2. Il numero 21 del mondo ha disputato un match estremamente solido imponendo il proprio ritmo e il proprio gioco.

A testimonianza di ciò il 79% di punti conquistati con la prima di servizio, contro il 56% dell’avversario, e il 69% con la seconda a differenza del 56% di AndujarRuud ha gestito alla grande i turni di servizio non offrendo mai allo spagnolo la possibilità di piazzare il break.

Leggermente più complesso il compito per Shapovalov che ha dovuto faticare per superare l’uruguaiano col punteggio di 6-4 7-5. A fare la differenza tra i due è stato l’andamento nel corso dei turni di servizio. Cuevas, infatti, è riuscito ad annullare sei palle break su dieci mentre il canadese ha centrato il medesimo obiettivo tre volte su cinque.

Quella di domani sarà la prima sfida tra Ruud Shapovalov, match che si preannuncia estremamente equilibrato e con tantissimi scenari possibili. Si affrontano, infatti, due giocatori molto solidi e che stanno attraversando un ottimo periodo di forma.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

F1, Charles Leclerc: “Il mio sogno è quello di vincere a Montecarlo, sarebbe diverso dal successo di Monza”

Giro d’Italia 2021: a Verona esulta finalmente in volata Giacomo Nizzolo! Battuto un super Edoardo Affini