Volley, Finale Scudetto: Civitanova espugna Perugia e si prende gara-1. Leal e Juantorena sugli scudi

Civitanova ha sconfitto Perugia per 3-1 (25-23; 22-25; 25-20; 25-20) nella gara-1 della Finale Scudetto di volley maschile. La Lube ha espugnato il PalaBarton e ha sovvertito il fattore campo in apertura di questa serie al meglio delle cinque partite (chi ne vince tre conquista il tricolore). Gli ultimi Campioni d’Italia hanno messo in ginocchio la vincitrice della regular season e hanno conquistato un primo successo cruciale, domenica pomeriggio avranno l’occasione di allungare tra le mura amiche dell’Eurosuole Forum mentre i Block Devils dovranno cercare di imporsi in trasferta per pareggiare i conti.

I cucinieri sono stati più aggressivi in attacco e a muro, fiaccando gli umbri un po’ troppo spenti al servizio e in fase offensiva. Il regista Luciano De Cecco, grande ex della partita, ha mandato in doppia cifra l’opposto Kamil Rychlicki (15 punti, 2 muri, 2 aces), gli schiacciatori Osmany Juantorena (15) e Yoandy Leal (18 punti, 4 muri), il centrale Robertlandy Simon (21 punti, 3 muri) affiancato da Simone Anzani (3), buon lavoro del libero Fabio Balaso. A Perugia non è bastato il fuoriclasse Wilfredo Leon (17 punti), sottotono l’opposto Thijs Ter Horst (10) e l’altro martello Oleg Plotnytskyi (9).

LA CRONACA DELLA PARTITA

Perugia trova il primo break nel set d’apertura grazie a un primo tempo di Russo e a un muro di Plotnytskyi (6-4), poi prova ad allungare col vincente di Ter Horst dalla seconda linea, ma un ace di Leal e una bordata di Rychlicki permettono a Civitanova di impattare a quota 7. Si prosegue punto a punto, poi la Lube sfrutta un errore di Leon e trova il break col muro di Leal (13-11). I cucinieri conservano il vantaggio con le fiondate di Juantorena e Rychlicki, ma un mani-out di Leon e un muro di Russo valgono il pareggio a quota 19. Primo tempo di Simon e mani-out di Rychlicki, i marchigiani si issano sul 22-20 e sono attentissimi, bordata di Leal e poi Ter Horst sbaglia il servizio che consegna il set agli ospiti.

Perugia scatta bene in avvio del secondo parziale con Ter Horst e Leon (5-3), Juantorena e Simon sono un po’ inmprecisi ma un grande muro di Ryclicki tiene a contatto la lube (8-9). Leon attacca da posto 4, Travica trova un ace, Ter Horst mette a segno due punti consecutivi e i Block Devils volano sul 16-12. Errore al palleggio di Juantorena e primo tempo di Russo, sul 18-12 sembra finita ma Civitanova non molla: mani-out di Rychlicki e ace di Simon (18-14). Perugia prova a richiudere i conti con l’ace di Ter Horst (21-15), ma due diagonali consecutivi di Rychlicki e due staffilate di Juantorena permettono ai cucinieri di avvicinarsi (19-21). Civitanova sbaglia al servizio, Leon firma il 23-20 ma ancora Rychlicki tiene aperta la sfida (23-22). Mani-out di Leon e poi punto di spalla di Travica per consegnare il set ai padroni di casa.

Un diagonale di Rychlicki, due muri di Leal e un primo tempo di Simon fanno volare Civitanova sul 6-1 in avvio di terzo set. Leon firma un ace, ma poi sbagliia al servizio e Juantorena sigla la parallela del 10-5. Plotnytskyi tiene Perugia a galla con due bei mani-out (12-8), poi Juantorena e Leal iniziano un bel duello che porta al 15-10. I cucinieri riescono a conservare il vantaggio senza particolari difficoltà e Juantorena sigla il mani-out del 19-14. Muzaj si fa vedere con un paio di buone giocate, ma Simon e compagni non si fanno sorprendere e chiudono con una bordata di Leal.

Diagonale, mani-out e ace di Leal per il 9-6 di Civitanova in avvio del quarto set. Muzaj trova il pareggio a quota 9 con due aces consecutivi, Civitanova riprende immediatamente in mano il parziale con Juantorena e Simon (12-9). Leon sbaglia un servizio, Travica è impreciso in bagher e i cucinieri si trovano sul 17-13. Perugia non molla la presa , Solé tiene botta con muro e prrimo tempo seguito da un fallo di Rychlicki (18-20). Ter Horst affonda il colpo e Plotnytskyi firma il -1 (20-21). Juantorena indossa i panni del super eroe nel momento clou, poi primo tempo di Simon e stampatone: quatto match-point di Civitanova, Simon concretizza alla prima occasione.

Foto LiveMedia/Loris Cerquiglini

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Antonio Giovinazzi: “Margini molto piccoli nel midfield, sappiamo di essere nella lotta”

Canoa, confermate le qualificazioni olimpiche ad Ivrea per lo slalom ed a Szeged per la velocità