Simone Biles: “Forse non mi ritiro, a Parigi 2024 da specialista. Yurchenko doppio carpio? Prima delle Olimpiadi”

Simone Biles aveva dichiarato più volte che si sarebbe ritirata dopo le Olimpiadi di Tokyo, perché il suo fisico è seriamente logorato da troppi anni di allenamento e di fatica in palestra. Il rinvio dei Giochi a causa della pandemia sembra avere però fatto cambiare idea alla ginnasta più forte di tutti i tempi.

La Reginetta della Polvere di Magnesio, vincitrice di quattro medaglie d’oro a Rio 2016, si sta preparando per essere assolutamente protagonista quest’estate in Giappone e ha già presentato diverse novità tecniche, pubblicate sui suoi profili social, anche se non gareggia dai Mondiali 2019, dove si mise al collo ben cinque medaglie d’oro (sulle sei a disposizione) e divenne l’atleta più vincente di tutti i tempi nella rassegna iridata di ginnastica artistica. La statunitense potrebbe non appendere il body al chiodo e proseguire la propria carriera, come ha rivelato in un media summit con il Comitato Olimpico USA.

La 24enne si è infatti spinta a parole verso le Olimpiadi di Parigi 2024: “I miei allenatori Cecile e Laurent vengono da Parigi e mi hanno detto di ripensarci [sul ritiro, ndr] o di diventare una specialista. Vediamo, per il momento l’obiettivo principale è il 2021, poi vedremo“. Va detto che Cecile e Laurent Landi allenano Simone Biles dal 2017 e che entrambi hanno gareggiato per la Francia alle Olimpiadi di Atlanta 1996, dunque vedere esibirsi in casa il loro pupillo sarebbe davvero un sogno.

La cinque volte Campionessa del Mondo all-around si è soffermata anche sullo Yurchenko doppio carpio al volteggio, elemento già eseguito in allenamento e che non è mai stato portato in gara da una donna: stiamo parlando di qualcosa di letteralmente impossibile e che soltanto questo fenomeno può avere nelle gambe. La fuoriclasse a stelle e strisce è stata molto chiara: “Lo farò debuttare in gara prima delle Olimpiadi, perché ho bisogno di eseguirlo e di controllare la mia adrenalina, per poi perfezionarlo in vista dei Giochi“.

Simone Biles, che nel frattempo si è fidanzata ed è andata a convivere, è assente dalle pedane da ormai 18 mesi e potrebbe fare il suo grande rientro in gara il prossimo 22 maggio agli US Classic. Sicuramente la rivedremo ai Campionati Statunitensi (3-6 giugno) che precedono i Trials Olimpici (24-27 giugno), al termine dei quali conosceremo il quartetto che comporrà la squadra americana che andrà a caccia dell’oro a cinque cerchi a Tokyo (23 luglio-8 agosto).

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby, Sei Nazioni femminile 2021: il XV dell’Italia per la sfida d’esordio con l’Inghilterra

Ciclismo, Jan Bakelants contro l’UCI: “Con le multe per le borracce rimpinguano le loro casse”