Nuoto, Assoluti 3 aprile: super Razzetti vola a Tokyo, i sigilli di Paltrinieri, Quadarella e Pilato nell’ultima giornata

Cala il sipario sull’edizione 2021 degli Assoluti di nuoto a Riccione e anche l’ultima giornata ha riservato riscontri piuttosto importanti nella composizione della selezione olimpica per Tokyo.

Nei 200 misti maschili Alberto Razzetti ha staccato il biglietto per i Giochi (1’58″0 il tempo limite). Il 22enne ligure nella gara dei quattro stili si è preso il titolo, realizzando il nuovo record italiano di 1’57″13, sbriciolando letteralmente il primato precedente che gli apparteneva di 1’58″09. Alle sue spalle si sono classificati Lorenzo Glessi  in 2’00″81 e Matteo Pellizzari in 2’01″38.  Bella gara anche nella prova femminile dove Sara Franceschi ha conquistato la vittoria, dopo quella dei 400 misti. La toscana si è imposta con il tempo di 2’11″57, a precedere Ilaria Cusinato (2’11″75) e Anna Pirovano (2’13″79). Mancato di mezzo secondo circa il tempo per le Olimpiadi, ma Franceschi può ritenersi soddisfatta.

In apertura di giornata il padrone dei 1500 stile libero maschili si è confermato tale. Gregorio Paltrinieri ha dominato la gara, ottenendo in scioltezza il crono di 14’40”38, miglior prestazionale mondiale stagionale, mettendosi alle spalle Luca De Tullio (15’05″31 e primato personale letteralmente demolito, pensando al 15’25”40) e Domenico Acerenza in 15’06”39. Sul versante femminile la campionessa del mondo in carica Simona Quadarella ha realizzato la sua tripletta ed, dopo i titoli nei 400 e negli 800 sl, è arrivato anche quello delle trenta vasche. L’azzurra, già qualificata per Tokyo, si è imposta in 15’57”03, precedendo Martina Caramignoli (anche lei già con il biglietto a Cinque Cerchi in tasca) in  15’59”13 e Ginevra Taddeucci in 16’21”93.

Nei 50 rana donne Benedetta Pilato, pur non al top della forma, ha vinto la prova con il crono di 29″91, mettendo la mano davanti a Martina Carraro (30″65) e ad Arianna Castiglioni (30″77). Qualche errore tecnico per Benny, che al mattino aveva nuotato più veloce (29″62) a un solo centesimo dal suo record italiano, ma non è certo un dramma. Doppietta di Lorenzo Mora che, dopo il titolo nei 200, si è preso quello nei 50 dorso, vincendo con il personale in 25”30 (precedente 25”45). Con lui sul podio Simone Sabbioni in 25”34 e Simone Stefanì in 25”35 (personale precedente di 26”13).

Nei 50 farfalla successi dei primatisti italiani Piero Codia e Silvia Di Pietro. Il 31enne giuliano è stato il più veloce in 23”47, precedendo Thomas Ceccon in 23”53 e il friuliano Lorenzo Gargani in 23”64. La 27enne di Roma ha fatto la voce grossa in 26”38; battendo Costanza Cocconcelli in 26”59 (record precedente di 26”66) ed Elena Di Liddo in 26”62.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuoto, Alberto Razzetti demolisce il record italiano dei 200 misti e conquista le Olimpiadi! “Ho realizzato un sogno”

MotoGP, Jorge Martin in pole nel GP di Doha alla seconda gara! Penultimo Valentino Rossi