NASCAR, Kyle Busch insegue il ‘King’ a Richmond

Dopo aver corso in un atipico catino di Bristol (Tennessee), trasformato in un ovale sterrato per l’occasione ed aver disputato la prova primaverile di Martinsville, la NASCAR Cup Series resta in Virginia per per l’evento di Richmond.

Questi tre impianti, totalmente differenti tra di loro, hanno in comune la caratteristica di essere degli short-track. Con la prova di domenica si chiude infatti questo trittico di gare, prove in cui tutto può succedere nei tanti giri previsti. Il circuito di questo week-end ha una metratura di 1 chilometro e 21 metri, suddivisi in quattro curve con un’inclinazione costante e regolare di 14°.

Nel fine settimana che ci apprestiamo a vivere sono molti i favoriti per il successo: uno su tutti è Kyle Busch. Il #18 del Joe Gibbs Racing si prepara a scendere in pista con la possibilità di eguagliare i sei sigilli del ‘King’ Richard Petty. Il due volte campione della serie, vincitore in Virginia per l’ultima volta nel 2018, è l’unico nella storia di questa corsa ad aver vinto per quattro anni consecutivi, un risultato unico a Richmond nell’appuntamento primaverile.

Per il round di domenica sera occhi puntati anche su Martin Truex Jr (Gibbs #19), a segno nel 2019 nelle due sfide in programma in questo short-track. Quest’ultimo è l’unico nel gruppo ad aver vinto due volte nelle prime competizioni in programma grazie alla vittoria settimana scorsa in quel di Martinsville. Anche Joey Logano (Penske #22) e Brad Keselowski (Penske #2) hanno tutte le carte in regola per dire la loro in un ovale che gli ha visti spesso all’attacco.

Chi è in forma ed ha al momento l’opportunità di far bene ovunque è Kyle Larson (Hendrick #5), assoluto protagonista di questo avvio di stagione con una vittoria in bacheca in quel di Las Vegas (Nevada).

Con sette vincitori diversi da Daytona ad oggi, la manifestazione in programma questa settimana potrebbe riservarci una nuova sorpresa e regalare ad un altro protagonista un pass certo per i NASCAR Playoffs di settembre. Ricordiamo infatti che, una singola vittoria, prescrive il passaggio diretto alla Top16 che da Darlington (South Carolina) si contenderà il titolo 2021 della NASCAR Cup Series.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Jorge Martin: “Rossi è il mio idolo da bambino, ma non vincerà più”

Ginnastica artistica, Europei 2021: i convocati dell’Italia. Macchini e De Rosa per un colpaccio, c’è Bartolini