Ginnastica, Europei 2021: l’Italia maschile sogna in grande con Macchini e De Rosa. Gli obiettivi dei sei azzurri

L’Italia spera di essere grande protagonista agli Europei 2021 di ginnastica artistica, in programma a Basilea (Svizzera) dal 21 al 25 aprile. La Nazionale maschile si presenterà in terra svizzera con sei ragazzi, ognuno con obiettivi ben precisi. Si tratterà della prima grande gara internazionale dopo un anno e mezzo (dai Mondiali 2019) e rappresenterà un buon test in vista delle Olimpiadi di Tokyo.

Le carte più interessanti sono rappresentate da Carlo Macchini ed Edoardo De Rosa. Il quasi 25enne marchigiano è uno dei potenziali outsider alla sbarra: già quarto agli Europei 2019, il ribattezzato Bistecca è cresciuto ulteriormente e nell’ultima tappa di Serie A ha stampato un roboante 14.900 che fa ben sperare. Se dovesse confezionare un esercizio perfetto si potrebbe sognare qualcosa di davvero molto importante, presentarsi per provare a lottare per una medaglia deve essere l’obiettivo di questo ragazzo in grande crescita.

Il 20enne lombardo, invece, è al debutto in un contesto internazionale tra i seniores ed è un portento al cavallo con maniglie: è stato Campione d’Europa juniores nel 2018, ha lavorato tanto nelle ultime stagioni e sabato scorso ha timbrato un succulento 14.850 in Serie A: si tratta di un riscontro di grande rilievo , frutto di un esercizio di un certo spessore che, se ripetuto anche in terra elvetica, potrebbe permettergli di puntare assolutamente alla finale di specialità.

Attenzione a Nicola Bartolini, che è sempre convincente al corpo libero (già finalista continentale di specialità) e ha ritrovato buono smalto nelle ultime uscite. Il 25enne sardo ha i mezzi tecnici e l’esperienza per esprimersi in certi contesti e per dire la sua nel concorso generale individuale: battagliare per conquistare uno dei due pass olimpici a disposizione (non nominali) sarà molto arduo, ma bisognerà provarci. Nell’all-around tenteranno di esprimersi al meglio anche i giovani Lorenzo Minh Casali e Stefano Patron, mentre Salvatore Maresca vorrà brillare sugli amati anelli.

Foto: Federica Salvatelli

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Thibaut Pinot: “Parteciperò al Giro d’Italia solo se sarò al 100%”

Hockey prato: raduno a Roma per la Nazionale femminile verso gli Europei. Le convocate di Roberto Carta