Freccia Vallone 2021, le pagelle: Julian Alaphilippe perfetto, Primoz Roglic sbaglia i tempi. Valverde eterno

PAGELLE FRECCIA VALLONE 2021

Julian Alaphilippe, voto 9: praticamente perfetto, soprattutto come lettura della gara. Lascia andare Roglic, che sembra fare il vuoto. Il campione del mondo invece preferisce salire con il proprio passo, salvo poi lanciare una volata finale devastante, con la quale salta il campione sloveno e va a prendersi il terzo titolo alla Freccia.

Primoz Roglic, voto 8: la condizione è devastante, è mancata però un po’ di tattica. Sbaglia i tempi, parte troppo presto, fa il vuoto, ma poi vengono a mancare quelle energie decisive negli ultimi 100 metri, quando parte lo sprint. Lo sloveno è tra i favoriti per la Liegi: può sicuramente bissare il titolo.

Alejandro Valverde, voto 8: eterno. Il Mur de Huy è casa sua. Ha già vinto questa corsa cinque volte, ci riprova, nonostante le quasi (compirà gli anni il 25 aprile) 41 primavere sulle spalle. Tiene il passo di Alaphilippe, poi si arrende negli ultimi duecento metri, ma la terza posizione vale tantissimo.

Michael Woods, voto 7: l’uomo dei muri ancora una volta si fa vedere tra i migliori. Il canadese, sul podio nel 2020, ci riprova, ma, con una forma non eccezionale (era caduto qualche giorno fa al Giro dei Paesi Baschi), deve accontentarsi della quarta piazza.

Thomas Pidcock, voto 7: attesissima la stellina della INEOS Grenadiers, dopo le spettacolari prove tra Freccia del Brabante e Amstel Gold Race. Paga l’inesperienza: una caduta ad una ventina di chilometri dal traguardo sembra tirarlo fuori gara. Con tenacia rientra in gruppo e prova a giocarsela: è settimo, avrebbe potuto sicuramente ambire al podio.

Kristian Sbaragli, voto 6,5: il migliore degli italiani, nella top-10, all’Amstel Gold Race. Chiude più indietro, ma è nuovamente il primo degli atleti tricolore anche alla Freccia Vallone, 25°.

Adam Yates, voto 5: il britannico della INEOS Grenadiers, annunciato in un ottimo stato di forma, chiude solamente ventesimo su un arrivo sicuramente adatto alle sue caratteristiche. Ci si sarebbe aspettato molto di più.

Foto: Valerio Origo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Scacchi: Ian Nepomniachtchi tenta la fuga al Torneo dei Candidati 2021. Caruana, Vachier-Lagrave e Giri staccati di un punto

Pallanuoto, Champions League 2021: l’AN Brescia crolla con lo Jadran e saluta la prima piazza nel girone