Ciclismo, Thomas De Gendt e le nuove regole sul lancio della borraccia: “Dovrebbero essere più umani a riguardo”

Thomas De Gendt insiste su una revisione in merito alle nuove regole che disciplinano dove e quando le borracce possono essere gettate via. Decisioni che, tra l’altro, hanno portato a ben due squalifiche in occasione del Giro delle Fiandre maschile e quello femminile.

Proprio in questo caso, l’azzurra Letizia Borghesi (Aromitalia Basso Bikes Vaiano), e lo svizzero Michael Schär (AG2R-Citroën Team), sono stati entrambi bannati dalle rispettive corse per il medesimo motivo, ossia quello di aver gettato una borraccia al di fuori delle zone di smaltimento designate al Fiandre.

Lo stesso De Gendt, molto contrariato dinnanzi a queste decisioni, ha inoltre affermato di aver consegnato una borraccia ad un fan in occasione della seconda tappa del Giro dei Paesi Baschi, sottolineando che questa ‘legge’ dovrebbe essere meno radicale:Gliel’ho data perché stava davvero chiedendo una borraccia. E penso che dovremmo ancora essere autorizzati a farlo”, ha dichiarato il belga della Lotto Soudal a Cyclingnews.

Ovviamente ha anche sottolineato altre situazioni: “Dipende tutto da dove lanci la borracciaSe la butti via in un campo libero dovresti essere squalificato. È una buona regola, per questo tipo di situazione, e anche se la lanci ai piedi di alcuni spettatori che a volte non la raccolgono perché non sono interessati. Ma ci sono molte persone che vengono alla corsa con cartelli che dicono ‘borracce per favore’ e se gliene dai una, è un po’ dura squalificare o multare i corridori per averlo fatto. Dovrebbero essere più umani a riguardo, e non se dai la borraccia direttamente a un fan”.

De Gendt ha anche aggiunto un esempio in merito a quella che considera una nuova regola eccessivamente arbitraria, coinvolgendo il caso di Kyle Murphy (Rally Cycling), squalificato dal GP Miguel Indurain per aver lasciato cadere un involucro di gel nel posto sbagliato: “Non è stato fatto apposta – ha proseguito il belga – Cosa succede se perdi una borraccia perché colpisci qualcosa sulla strada e questa rimbalza fuori dalla tua bici? Non è sporcizia, è solo sfortuna”.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Lotto-Soudal Thomas De Gendt

ultimo aggiornamento: 08-04-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio, slitta di un mese il rientro di Nicolò Zaniolo. Addio Europei 2021?

Taekwondo, Europei 2021: Vito Dell’Aquila e Martina Corelli subito eliminati a Sòfia