Ciclismo femminile, Scheldeprijs 2021: Lorena Wiebes conquista la prima edizione davanti a Norsgaard e Balsamo

Lorena Wiebes (Team DSM) ha fatto sua la prima edizione dello Scheldeprijs femminile, conquistando la piccola classica belga con una delle sue grandissime e magistrali volate. Uno sprint aggressivo, iniziato a circa 300 metri dal traguardo, e che non ha lasciato scampo alle altre rivali. Completano il podio la danese Emma Norsgaard (Movistar) e la splendida azzurra Elisa Balsamo (Valcar Travel & Service).

La corsa, organizzata da Flanders Classics, ha proposto 136,2 chilometri di gara con partenza e arrivo a Schoten, la cui seconda metà caratterizzata da un ampio circuito di 75 chilometri da ripetere tre volte, incluso un settore acciottolato. E proprio all’ingresso dell’anello la corsa ha iniziato a muoversi verso il finale, grazie a Daniek Hengeveld (GT Krush Tunap), che ha prontamente lanciato una mossa in solitaria guadagnando subito 30 secondi sulle avversarie.

All’inizio del secondo circuito, ossia a 35 chilometri dalla fine, l’olandese è arrivata a superare il minuto, così il gruppo ha iniziato a reagire dimezzando il distacco dalla Hengeveld sul terzo e ultimo circuito. A 10 chilometri dalla conclusione il gruppo è tornato compatto, ma in breve tempo è arrivato il tentativo dell’azzurra Letizia Borghesi (Aromitalia-Basso Bikes-Vaiano), che però non è riuscita a guadagnare terreno.

Lanciato ormai lo sprint di Schoten, Teniel Campbell (Team BikeExchange) ha preso subito il comando e ha stabilito un ritmo veloce negli ultimi chilometri di gara, venendo poi sorpassata dalla Movistar a un chilometro dalla fine. Arriva dunque Sarah Roy (Team BikeExchange), che parte però troppo presto, così come Lisa Brennauer (Ceratizit-WNT), che vengono letteralmente beffate da una volata semplicemente perfetta da parte della Wiebes davanti alla Norsgaard e alla Balsamo. Seguono Emilie Moberg (Drops) e Lisa Klein (Canyon-SRAM ).

Foto: © Team DSM | Patrick Brunt | Keep Challenging

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Europei 2022: l’Italia sceglie l’Estonia come squadra nel girone di Milano

MotoGP, Iker Lecuona operato al braccio per curare la sindrome compartimentale