Volley, play-off Superlega quarti. Milano fa il colpaccio in rimonta a Perugia (2-3). Trento si salva al tie break con Piacenza

Una rimonta da urlo regala alla Allianz Milano il primo punto in trasferta nella serie dei quarti di finale dei play-off di Superlega contro Perugia. Sovvertiti tutti i pronostici della sfida che vedeva di fronte la prima forza della regular season, la Sir Safety straripante nei primi due set, e l’ottava, l’Allianz che è stata all’altezza, non si è fatta intimidire anche quando si è trovata sotto 2-0 e 15-12 ed ha compiuto un’impresa titanica andando ad espugnare il PalaBarton dopo quasi tre ore di battaglia.

Primo set sul velluto per Perugia che, con il nuovo arrivato Muzaj nel ruolo di opposto, dopo una prima parte equilibrata, prende il largo nella parte centrale (18-14) e aprirsi la strada per il 25-18 che permette alla Sir Safety di portarsi sull’1-0. Secondo set ad elastico: gli umbri scattano avanti 11-8 ma Milano dà i primi segnali di vita pareggiando a quota 15 grazie a Patry ma il finale di Perugia è travolgente: break di 9-3 (24-18) e vittoria con il punteggio di 25-21.

Nel terzo parziale sembra tutto già scritto quando la Sir Safety si porta sul 15-12 ma l’Allianz tira fuori gli artigli: salgono in cattedra Patry e Urnaut e la squadra ospite riesce prima a pareggiare e poi ad operare il sorpasso nel finale al terzo tentativo con il punteggio di 25-27. Perugia sembra poter disporre a piacimento dei rivali in avvio di quarto set ma ancora una volta Milano incassa (14-8) e riparte. Gli umbri si fermano letteralmente e si ritrovano sotto 21-23. Milano guadagna due set ball sul 22-24 e li vede sfumare sul muro di Perugia. Ne esce una roulette russa con set ball da una parte e match ball dall’altra e l’ace di Patry regala il 33-31 ai milanesi: 2-2.

Il ribaltone si completa nel tie break dove Milano resta sempre avanti, prova un paio di volte lo strappo (9-7 e 12-10) ma la Sir Safety resta aggrappata con le unghie al match. Kozamernik prima, Leon poi per tre volte annulla i match point per la squadra ospite che conquista il successo insperato (19-17) grazie ad un muro di piano su Plotnytskyi e si porta 1-0 nella serie che proseguirà al PalaLido domenica. Per Milano quattro uomini in doppia cifra: 23 punti per Patry, 18 per Urnaut, 14 per Ishikawa e 13 per Piano. In casa Perugia non sono bastati i 31 punti di leon. Da segnalare anche i 19 punti di Solè, i 18 di Plotnytskyi e i 15 di Muzaj. 

Cinque set anche a Trento ma qui è la squadra di casa ad imporsi in rimonta, dopo essere stata sotto 1-2 contro un Piacenza che, trascinato da Grozer, gioca molto bene la parte centrale del match ma manca in avvio e alla fine del match. Itas a corrente alternata ma brava la squadra di Lorenzetti a gestire una situazione molto complicata e a ribaltare il punteggio con grinta e tecnica.

Trento parte decisa a sfruttare il fattore campo e impone subito il suo gioca alla formazione emiliana. nel primo set i padroni di casa scattano avanti 18-13 e non si fermano fino al 25-18 conclusivo. Nella prima parte del secondo set le due squadre si inseguono a vicenda: Piacenza sembra trovare il break giusto (12-15) ma Trento è lì (15-16). Gli ospiti restano avanti ma i trentini pareggiano a quota 23 prima di alzare bandiera bianca di fronte a Grozer e compagni: 23-25.

Nella parte centrale del secondo set l’Itas sembra essersi ritrovata e scatta avanti 18-14. Gli ospiti, però, hanno il merito di non mollare e, con il nuovo entrato Antonov in campo, Mousavi e Grozer protagonisti, e con Polo al servizio, ribaltano tutto e si portano avanti 20-23. Trento non si ritrova più e cede anche questo parziale: 22-25.

Nel quarto set Trento trova il break dal 9-10 al 13-10 e soprattutto ritrova Abdel Aziz che prende per mano i compagni e li guida con il cambio palla ritrovato al successo con il punteggio di 25-20. In avvio di tie break ancora l’opposto olandese sale in cattedra e trascina Trento all’8-5 al cambio di campo. Nel finale gli emiliani mollano la presa e Trento non ha problemi a chiudere 15-8 con un grosso sospiro di sollievo. Per Trento 22 punti di Abdel-Aziz, 17 di Lucarelli, 16 di Lisinac e 13 di Michieletto. In casa Piacenza 20 punti di Grozer, 17 di Russell, 11 di Mousavi e 10 di Clevenot.

Foto LM-LPS/Loris Cerquiglini

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Basket: la sconfitta del Partizan Belgrado estromette Trento dall’EuroCup

Calcio, PSG e Liverpool ai quarti di finale di Champions League 2021