Pattinaggio di figura, Mondiali 2021: sfida al buio nella danza, duello Stati Uniti-Russia

Sarà una partita a poker, una vera e propria sfida con mille variabili, sulla carta piena di incertezze e dal risultato finale difficile da pronosticare. La gara della danza sul ghiaccio sarà senza dubbio uno dei momenti più interessanti dei Campionati Mondiali 2021 di pattinaggio di figura, evento al via il 22 marzo presso l’Ericsson Globe Arena di Stoccolma (Svezia)

Sì perché per l’occasione le coppie migliori del mondo, eccetto gli assenti Gabriella Papadakis-Guillaume Cizeron, si ritroveranno per la prima volta in stagione tutte insieme sfidandosi, considerata la mancanza totale di competizioni di rilievo internazionale, a colpi di first impression, quindi di prime impressioni da parte della giuria, qualcosa di più unico che raro per una specialità che si basa spesso su questioni prettamente gerarchiche.

Nonostante questo aspetto, appare comunque evidente che stando alle classifiche precedenti, a contendersi il podio, con tutta probabilità saranno quattro coppie, rispettivamente due statunitensi e due russe. Tra i favoritissimi spiccano i Campioni d’Europa in carica, Victoria Sinitsina-Nikita Katsalapov, i quali si misureranno con Madison Hubbell-Zachary Donohue (bronzo a Saitama 2019) e Madison Chock-Evan Bates (vincitori degli ultimi Four Continents), senza dimenticare ovviamente i compagni di squadra Alexandra Stepanova-Ivan Bukin.

I pattinatori citati non potranno però sottovalutare avversari di estrema qualità pronti a tentare l’allungo, dai canadesi Piper Gilles-Paul Poirier agli azzurri Charlène Guignard-Marco Fabbri, apparsi in grandissima forma negli eventi interni nel corso di questa stagione, senza dimenticare i britannici Lilah Fear-Lewis Gibson, atleti cresciuti sensibilmente negli ultimi due anni. La sorpresa è dietro l’angolo.

Foto: Pier Colombo

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, Joan Mir: “Non mi piace pensare alle moto quando non devo correre. Sono sicuro che rivedremo Marc in pista”

MotoGP, Marc Marquez in pista a Portimao! Lo spagnolo continua il suo percorso verso l’esordio di Losail