Seguici su

Artistica

Ginnastica, Serie A 2021: le big in gara. Le Fate, Vanessa Ferrari, Andreoli e Mori: chi tenere d’occhio

Pubblicato

il

Sabato 6 marzo (ore 14.30) si disputerà la prima tappa della Serie A 2021 di ginnastica artistica. Al PalaRossini di Ancona incomincerà il massimo campionato italiano a squadre e inizierà la rincorsa verso gli scudetti, ma soprattutto prenderà il via la marcia di avvicinamento alle Olimpiadi di Tokyo. Sono tante le stelle che prenderanno parte a questo importante appuntamento, che ci riporta finalmente in gara dopo la lunga sosta invernale.

Riflettori puntati in particolar modo sulle Fate, capaci di conquistare la medaglia di bronzo ai Mondiali 2019 e desiderose di lottare per qualcosa di importante ai Giochi. Giorgia Villa, Alice D’Amato e Martina Maggio saranno subito protagoniste nelle Marche, mente Asia D’Amato ed Elisa Iorio (in recupero da un infortunio) rientreranno in scena prossimamente. Le azzurre sono bravissime su tutti gli attrezzi e nell’ultimo anno difficile hanno studiato delle novità per essere ancora più competitive, dunque vedremo fin da subito cose interessanti.

Assolutamente da non perdere Vanessa Ferrari. La Campionessa del Mondo 2006 torna a disputare la Serie A dopo quattro anni, ha ripreso il lavoro sui quattro attrezzi (ma non la vedremo sul giro completo ad Ancona) e insegue la quarta partecipazione alle Olimpiadi. La 30enne si prepara per gli Europei e l’ultima tappa della Coppa del Mondo, col body della Brixia Brescia vorrà sicuramente stupire accanto alle Fate e alla giovanissima Angela Andreoli, sua designata erede sportiva che sarà indubbiamente una delle grandi stelle di questa Serie A.

Da seguire attentamente anche Lara Mori (Giglio Montevarchi), anch’ella in lizza per un posto ai Giochi e pronta a dire la sua in tutte le specialità, in particolare al corpo libero e alla trave. Da seguire Giulia Bencini, Giulia Cotroneo, Manila Esposito, Chiara Vincenzi (Civitavecchia) e il Centro Sport Bollate di Giada Grisetti e Micol Minotti.

Foto LM-LPS/Filippo Tomasi

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *