Biathlon, Dorothea Wierer beffata per soli 2″5 da Eckhoff nella sprint di Oestersund

La Coppa del Mondo di biathlon 2020-2021 è all’ultima chiamata. Sulle nevi di Östersund (Svezia) è andata in scena la sprint femminile e lo “spartito” è stato sempre lo stesso: vince Tiril Eckhoff. La trentenne di Bærum ha conquistato infatti la 13ma vittoria in quest’annata straordinaria per lei e l’obiettivo “Magdalena Forsberg” non è al di fuori della sua portata: solo l’atleta svedese seppe spingersi a 14 successi nella stagione 2000-2001.

Insaziabile Eckoff, già vincitrice della Coppa del Mondo assoluta, che così ha portato il computo delle vittorie in questo format a 7 consecutive, facendo la differenza sugli sci nei confronti di una grande Dorothea Wierer. L’errore nella seconda serie per la norvegese ha reso il finale appassionante, ma come detto è stata la velocità nell’ultimo giro a sorridere alla campionessa del Team Norge. 2″5 il ritardo di Doro, autrice dello zero e in palla in una sede che le ha sempre regalato molto in termini di riscontri sul podio. Grazie al secondo posto odierno, l’altoatesina ha ottenuto la settima top-3 sulle nevi svedesi (3-2-2). A salire sul terzo gradino del podio è stata l’altra norvegese Ingrid Landmark Tandrevold con 6″7 di ritardo e zero errori nelle serie di tiro.

Una classifica molto corta, con dieci atlete nello spazio di 26″0. Al quarto posto troviamo la francese Anais Chevalier-Boucher (0+1) a 15″4, l’austriaca Lisa Theresa Hauser (0+1) a 16″4, la norvegese Marte Olsbu Roeiseland (1+0) a 18″2, la svizzera Lena Haecki (0+0) a 21″3, la bulgara Milena Todorova (0+0) a 22″3, la quarta norvegese del lotto Ida Lien (0+0) a 25″6 e la slovacca Paulina Fialkova (1+0) a 26″0. Da evidenziare il piazzamento di non poco conto dell’ex fondista svedese Stina Nilsson che con un solo errore nella seconda serie di tiro ha concluso in 26ma posizione a 55″9, dando un saggio delle sue qualità in questa specialità.

Per quanto riguarda il resto della truppa italiana, Lisa Vittozzi ha concluso 20ma con un errore nella prima serie a 45″5, mentre Michela Carrara ha terminato 91ma a 2’58″0 non trovando purtroppo quattro bersagli in totale nei due poligoni.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Milano-Sanremo 2021: i velocisti che dovranno resistere sul Poggio. Da Nizzolo a Viviani

Classifica Coppa del Mondo biathlon femminile 2021: Tiril Eckhoff padrona assoluta, Dorothea Wierer quarta