ATP Rotterdam 2021, Andrey Rublev vince l’ottavo titolo in carriera e batte in due set Marton Fucsovics

Un rullo compressore. Andrey Rublev conquista l’ottavo titolo in carriera e si laurea campione nel torneo di Rotterdam (Paesi Bassi) per la prima volta. Il russo (n.8 del mondo) ha sconfitto l’ungherese Marton Fucsovics (n.59 del ranking) per 7-6 (4) 6-4 in quasi due ore di gioco. Una partita nella quale, alla lunga, il pressing da fondo del tennista nativo di Mosca è stato premiato, trovando delle crepe nella difesa del rivale. Rublev ha archiviato la pratica con 9/15 punti vinti a rete, 53/74 punti vinti al servizio, 28 vincenti e 11 errori non forzati contro i 21 del magiaro.

Nel primo set l’avvio del top-10 è un po’ balbettante e le quattro palle break concesse nel primo game ne sono una dimostrazione. Il russo si salva e a sua volta crea le basi del proprio break nel gioco successivo, ma Fucsovics si aggrappa letteralmente al servizio e annulla le due chance al n.8 del ranking. La frazione si sviluppa sul filo dell’equilibrio e Andrey non è sciolto come al solito, anche per merito di un avversario solido che non regala niente, bravo a fronteggiare le situazioni di difficoltà come nel dodicesimo gioco quando un set-point si presenta alla porta, ma il n.59 ATP la chiude. Al tie-break, però, il differente pedigree si vede e il 7-4 finale non è frutto del caso. Decisiva in favore del tennista nativo di Mosca è la percentuale di quindici in risposta alla seconda dell’ungherese (42%), costringendo quest’ultimo sempre a rincorrere nello scambio.

Nel secondo set il russo fa capire subito chi comanda: break in apertura e 2-0 immediato. Rublev ha il pallino del gioco in mano e la resa al servizio sale di livello rispetto al parziale precedente (71% dei punti vinti con il fondamentale della battuta) e questa efficienza gli conferisce maggior tranquillità in risposta, considerando le due palle break costruite nel settimo gioco. Fucsovics, però, è abile a tenere in vita il match fino al decimo game, quando però però cala il sipario sul 6-4.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Andrey Rublev ATP Rotterdam 2021 Marton Fucsovics

ultimo aggiornamento: 07-03-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket femminile, Venezia supera Ragusa e conquista l’accesso alla finale di Coppa Italia

Tennis, Stefanos Tsitsipas: “Vorrei una carriera lunga quanto Federer”