Atletica, Marcel Jacobs in finale nei 60 metri agli Europei. Dario Dester in lotta per la medaglia nell’eptathlon!

Si è appena conclusa la sessione mattutina della terza giornata degli Europei indoor di atletica di scena a Torun (Polonia). Impressionante Marcell Jacobs che vince in scioltezza sia la batteria (6.59) che la semifinale (6.56). Il velocista azzurro ha destato una buonissima impressione: sempre in controllo della situazione, ha gestito con grande serenità e personalità entrambe le prove. Questo Jacobs può seriamente giocarsi l’oro. Non è bastato il personale (6.68) a Chituru Ali per superare la semifinale.

Bravissimo Dario Dester che nell’eptathlon al momento occupa la terza piazza (2599 punti) frutto del record personale nei 60 metri fissato a 6.97 e nel getto del peso (14.25) e di un ottimo 7.61 nel salto in lungo. Una prova maiuscola quella dell’azzurro sin qui che è riuscito ad esprimersi al massimo delle proprie potenzialità.

Fantastico Paolo Dal Molin che nei 60 ostacoli vince la propria batteria con un convincente 7.59, quarto tempo complessivo del turno: domani potrà ambire ad una medaglia. Qualificati anche Hassane Fofana, ripescato con il tempo di 7.81, e Franck Koua, che ha chiuso al quarto posto la sua prova (7.82).

Batteria estremamente convincente per Luminosa Bogliolo nei 60 ostacoli femminili che ha vinto in 8.01 a un centesimo dal personale, staccando il pass per la semifinale. Molto bene anche  Elisa Di Lazzaro che è giunta quarta nella sua batteria con il tempo di 8.13.

Le uniche due note negative arrivano da Yassin Bouih che non è riuscito ad ottenere la finale nei 3000 metri, chiudendo in quinta piazza il turno di qualificazione, e da Ottavia Cestonaro che non è riuscita a staccare il pass per la finale nel salto triplo. Ad onor del vero la 26enne nativa di Vicenza ha disputato comunque una prova di grande qualità andando a ritoccare il record personale a 13.90: purtroppo è giunta nona (prima delle escluse).

Foto: FIDAL/COLOMBO

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Martina Peterlini: “Le migliori hanno ancora qualcosa in più, lavoro per raggiungerle”

Sci di fondo, assolo iridato di Therese Johaug nella 30 km tc mass start femminile ai Mondiali 2021