Salto con gli sci: il team event misto di Rasnov va alla Norvegia su Slovenia e Austria

Si è concluso da poco il team event misto a Rasnov, unico nel suo genere all’interno del calendario di Coppa del Mondo di salto con gli sci 2020-2021, e che avrà un’ulteriore applicazione soltanto ai Mondiali di Oberstdorf nella giornata di domenica 28. La Norvegia, con Maren Lundby, Daniel Andre Tande, Silje Opseth e Halvor Egner Granerud, porta a casa la vittoria soprattutto per merito del leader di Coppa del Mondo maschile, che fa capire una volta di più cosa sarebbe accaduto ieri senza squalifica per tuta irregolare. Il punteggio complessivo è di 968.7, che assomma il 481.4 della prima serie e il 487.3 della seconda.

Piazza d’onore per la Slovenia, che paga il fatto di avere Ziga Jelar come quarto a saltare e deve cedere sul filo di lana in 945.3. Bene invece Nika Kriznar, Cene Prevc ed Ema Klinec. Terzo posto per l’Austria a 924.6, con gara tutto sommato regolare di Eva Pinkelnig, Daniel Tschofenig, Daniela Iraschko-Stolz (che piazza il miglior salto nella terza serie con 122.8 punti, come a dire “guardate che io ci sono ancora”) e Manuel Fettner.

Finisce beffato il Giappone, che era terzo dopo la prima serie con 7 decimi di vantaggio (462.2-461.5) e che invece deve cedere (920.8) nonostante un’ottima Sara Takanashi nella seconda parte. Con lei Nozomi Maruyama, Yukiya Sato e Ryoyu Kobayashi. Quinto posto per la Germania (875.8, Luisa Goerlich, Pius Paschke, Anna Rupprecht, Karl Geiger), poi Russia (861.2, Irma Makhinia, Roman Trofimov, Irina Avvakumova, Evgeniy Klimov), Polonia (856.9, Anna Twardosz, Kamil Stoch, Kamila Karpiel, Dawid Kubacki; da segnalare in questo caso la valida condizione di Stoch, due volte a 124.7) e Francia (785.5, Josephine Pagnier, Alessandro Batby, Julia Clair, Valentin Foubert).

Non qualificata per la seconda serie la Romania (334.3, quasi 70 punti in meno della Francia, con Andreea Diana Trambitas, Nicolae Sorin Mitrofan, Daniela Haralambie, Daniel Andrei Cacina). Non ha partecipato l’Italia, che sarà di scena direttamente a Oberstdorf con il suo novero di rappresentanti.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Australian Open 2021, Naomi Osaka trionfa a Melbourne, Jennifer Brady crolla dopo il primo set

Ciclismo, Davide Rebellin firma con la Work Service: in gruppo a 50 anni. Esordio al Laigueglia