Luna Rossa, pionieri della storia: prima barca con 2 timonieri alla America’s Cup! Stravolti tutti gli schemi

Luna Rossa è stata rivoluzionaria fin da subito nella sua campagna ad Auckland. Lo skipper Max Sirena ha infatti stravolto il modello più classico che si impiega a bordo di una barca a vela e ha tentato il grande azzardo: schierare due timonieri, una sulla parte sinistra dello scafo e l’altro sulla destra. Un modulo inizialmente criticato da tutti, perché durante il round robin della Prada Cup si era rivelato un problema: mancava la comunicazione a bordo, la divisione dei compiti non era ottimale, gli errori si erano accumulati.

Tutto è poi cambiato durante la marcia di avvicinamento alla semifinale contro American Magic, poi vinta con un secco 4-0: in quel momento è nata una nuova Luna Rossa e la scelta dei due timonieri si è rivelata più azzeccata che mai, tanto che anche le altre squadre hanno pensato di copiarla, ma ormai era troppo tardi. Luna Rossa ha travolto Ineos Uk con uno schiacciante 7-1 nella Finale della Prada Cup e si è così guadagnata il diritto di affrontare Team New Zealand nel match race che assegnerà la America’s Cup, il trofeo sportivo più antico al mondo. Si tornerà in mare a partire dal 6 marzo, sempre nel Golfo di Hauraki: bisogna vincere sette regate per alzare al cielo la Vecchia Brocca.

Luna Rossa è nelle mani del palermitano Francesco Bruni (secondo timoniere non anglossasone a raggiungere l’atto conclusivo) e dell’australiano James Spithill. Team Prada Pirelli è dunque diventato il primo equipaggio della storia a presentarsi con due timonieri al via della America’s Cup: si tratta di un traguardo speciale, a dimostrazione della bontà della scelta presa dal sodalizio guidato dal patron Patrizio Bertelli. Ora l’ultimo ostacolo: il Defender di Peter Burling, l’ultimo Everest da scalare per entrare nella leggenda.

Foto: Luna Rossa Press

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

America’s Cup, Francesco Bruni: “Facciamo foto e video a New Zealand, sappiamo che sono forti”

America’s Cup, Luna Rossa-New Zealand: chi è favorito? Le quote delle scommesse: book-makers decisi