Speed skating, ultima tappa di Coppa del Mondo a Heerenveen: Olanda per dominare, l’Italia vuol crescere

Ultima tappa di Coppa del Mondo per lo speed skating sull’ovale ghiacciato di Heerenveen (Paesi Bassi). Tre-giorni di gare con un programma in copia carbone rispetto a quanto si è visto già al Thialf Stadium nel primo appuntamento di quest’annata, così particolare e condizionata dal Covid-19.

OLANDA PER DOMINARE

Chiedersi se l’Olanda possa dominare ha i connotati di una domanda retorica. Lo squadrone neerlandese, guidato anche dai fuoriclasse ormai veterani Sven Kramer e Ireen Wust, vuol dimostrare una volta ancora tutte le proprie qualità. Kramer e Wust, da questo punto di vista, hanno dato un grande contribuito alla prova dell’inseguimento a squadre della scorsa settimana, consentendo a Chris Huizinga e Beau Snellink di fregiarsi del successo (prova maschile) e di fare lo stesso con Carlijn Achtereekte e Melissa Wijfje (prova femminile). Una battaglia tutta orange potrebbe essere tra Patrick Roest (neo campione europeo nell’Allround) e Thomas Krol (campione europeo sprint) e il punto di incontro sono i 1500 metri, vinti da quest’ultimo ad Heereveen I. Krol, in particolare, è in uno stato di grazia e tutto quello che tocca si trasforma in oro al momento. Proveranno a contrastare l’incedere tulipano Brittany Bowe, vittoriosa nei 1500 metri femminili del primo round di CdM davanti a Wust, al pari del russo Artem Arefyev nei 500 metri maschili (vincitore nell’ultimo giorno di gare di domenica scorsa). Attenzione però al detentore del record mondiale, il connazionale Pavel Kulizhnikov e all’asso olandese Kai Verbij (caduti nella prova di sabato scorso e per questo retrocessi in divisione B). La coppia dovrà impegnarsi ancora una volta nel day-2 (sabato mattina) per tornare nella divisione principale. Tuttavia, l’altro alfiere dei Paesi Bassi Dai Dai Ntab, dopo aver raccolto una vittoria e un secondo posto nella prima apparizione, vorrà confermarsi in vetta alla classifica di specialità.

L’ITALIA VUOL CRESCERE

Saranno dieci gli atleti azzurri a prendere parte all’appuntamento: Francesca Lollobrigida (Aeronautica Militare), Linda Rossi (Torollski Center), Francesco Betti (Fiamme Oro), David Bosa (Fiamme Oro), Andrea Giovannini (Fiamme Gialle), Michele Malfatti (Fiamme Gialle) e Mirko Giacomo Nenzi (Fiamme Gialle), Davide Ghiotto (Fiamme Gialle), Jeffrey Rosanelli (S.C. Pergine) e Alessio Trentini (V.G. Pergine). Le attenzione azzurre saranno puntate necessariamente sulla Mass Start, ricordando i due quinti posti di Lollobrigida e di Giovannini nel primo round su questo anello di ghiaccio. Aspettative poi ci sono anche dopo i quarti posti di Davide Ghiotto nei 5000 metri e del team pursuit maschile, soprattutto per quanto ha saputo fare Ghiotto a meno di un secondo dal podio. Si spera nel colpo di coda.

IL PROGRAMMA DI GARE AD HEERENVEEN II

Venerdì 29 gennaio
Ore 14.50: Team Pursuit uomini
Ore 15.30: Team Pursuit donne
Ore 16.34: Mass Start semifinale uomini 1
Ore 16.47: Mass Start semifinale uomini 2
Ore 17.12: Mass Start semifinale donne 1
Ore 17.27: Mass Start semifinale donne 2

Sabato 30 gennaio
Ore 11.25: 500 m uomini Division B
Ore 12.11: 1500 m uomini Division B
Ore 14.10: 1500 m donne Division A
Ore 15.09: 1500 m uomini Division A
Ore 15.58: 500 m donne Division A
Ore 16.38: 500 m uomini Division A
Ore 17.16: Mass Start finale donne
Ore 17.33: Mass Start finale uomini

Domenica 31 gennaio
Ore 8.35: 500 m uomini Division B
Ore 8.58: 1000 m donne Division B
Ore 9.30: 1000 m uomini Division B
Ore 10.11: 3000 m donne Division B
Ore 10.55: 5000 m uomini Division B
Ore 13.00: 500 m donne Division A
Ore 13.40: 500 m uomini Division A
Ore 14.16: 3000 m donne Division A
Ore 15.12: 5000 m uomini Division A
Ore 16.40: 1000 m donne Division A
Ore 17.20: 1000 m uomini Division A

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Prada Cup, Luna Rossa non può rinunciare ai due timonieri. La spiegazione

Prada Cup, Tommaso Chieffi: “American Magic favorita con vento forte, Luna Rossa può farcela”