Speed skating, Davide Ghiotto è quinto nei 5000 metri in Coppa del Mondo ad Heerenveen

Si è chiusa anche la seconda ed ultima tappa della Coppa del Mondo di speed skating, disputata ad Heerenveen, nei Paesi Bassi, già sede degli Europei e della prima tappa del circuito maggiore, e che ospiterà, dall’11 al 14 febbraio, i Mondiali. Sei le gare andate in scena oggi.

Nei 5000 metri maschili successo del neerlandese Patrick Roest in 6’05″959,  davanti allo svedese Nils van der Poel, secondo in 6’08″393, a 2″43, mentre è terzo il russo Sergey Trofimov in 6’10″864, a 4″90. In casa Italia è quinto Davide Ghiotto in 6’12″054, a 6″09, mentre si classifica 12° Andrea Giovannini in 6’18″032, a 12″07, infine è 13° Michele Malfatti in 6’20″471, a 14″51. Nella Division B è 21° Francesco Betti in 6’41″856. Nei 3000 metri femminili vince la russa Natalia Voronina con il record della pista in 3’56″853, davanti alle neerlandesi Antoinette de Jong, seconda in 3’58″908, a 2″05, ed Irene Schouten, terza in 4’00″153, a 3″30. Ottava Francesca Lollobrigida in 4’03″507, a 6″65. Nella Divisione B è settima Linda Rossi col personale in 4’11″205.

Nei 500 metri maschili doppietta dei Paesi Bassi con Ronald Mulder primo in 34″555 ed Hein Otterspeer secondo in 34″590, a 0″03, mentre è terzo il canadese Laurent Dubreuil in 34″594, a 0″03. Si classifica 16° Mirko Giacomo Nenzi in 35″292, a 0″73. Nella Division B è sesto Jeffrey Rosanelli in 35″897. Nei 1000 metri maschili doppietta dei Paesi Bassi con Kai Verbij primo in 1’07″355 e Thomas Krol secondo in 1’07″581, a 0″22, mentre è terzo il canadese Laurent Dubreuil in 1’08″185, a 0″83. Nella Division B è terzo David Bosa in 1’10″185.

Nei 500 metri femminili vince la neerlandese Femke Kok in 37″333, davanti alle russe Angelina Golikova, seconda in 37″372, a 0″03, e Daria Kachanova, terza in 37″637, a 0″30. Nei 1000 metri femminili vince la statunitense Brittany Bowe in 1’13″960, davanti alla russa Angelina Golikova, seconda in 1’14″054, a 0″09, ed alla neerlandese Femke Kok, terza in 1’14″475, a 0″51.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Lewis Hamilton: “Devi goderti quello che fai”

Pallamano, Serie A maschile 2021: Sassari e Siena ko, Conversano allunga in testa alla classifica