Sci alpino: Marta Rossetti, operazione prevista domani alla Clinica Città di Brescia. Quella delle sorelle Fanchini

L’infortunio di Marta Rossetti non ci voleva proprio per la squadra femminile italiana di slalom, alle prese con ricambio generazionale e pettorali da abbassare e una competitività da ritrovare nella disciplina. Purtroppo, sono cose che possono capitare nel mondo agonistico dello sci alpino e la bresciana saprà riprendersi al meglio in vista della stagione olimpica 2021-2022.

Marta, dopo un consulto  in Clinica Città di Brescia, ha deciso di farsi operare al ginocchio sinistro, infortunato dopo un caduta in allenamento, dal Dott. Giacomo Stefani che in passato aveva già operato diverse volte ai legamenti crociati anteriori delle ginocchia le sorelle Fanchini e anche il gigantista azzurro Giovanni Borsotti.

La riabilitazione verrà effettuata con ogni probabilità al Centro Medical SPA Millennium Sport & Fitness di Brescia dove  la poliziotta si è già recata per un sopralluogo per visitare la struttura che è all’avanguardia nella riabilitazione e nel recupero degli atleti post infortunio. La stagione di Marta Rossetti si conclude così con 3 piazzamenti nelle prime 30 nei primi cinque slalom disputati in Coppa del Mondo 2020-2021: 29esima a Levi, 11 esima a Semmering  (suo migliore piazzamento di sempre) e 22esima a Zagabria.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Short track, Europei 2021: Italia femminile competitiva anche senza Arianna Fontana. Martina Valcepina la punta

Australian Open 2021, altri due casi positivi: dubbi sullo Slam?