Sci alpino, Italia a caccia della tripletta a Crans Montana. Paris sogna il successo a Kitzbuehel

La domenica della Coppa del Mondo di sci alpino si divide tra la discesa di Kitzbuehel ed il superG di Crans Montana. Due gare molto attesa dall’Italia, con gli azzurri che si presentano al cancelletto di partenza con grandi ambizioni e con la possibilità di far suonare nuovamente l’inno di Mameli sul gradino più alto del podio.

Una situazione che Sofia Goggia ha già vissuto per due volte consecutive sulle nevi svizzere di Crans Montana e la bergamasca sogna una clamorosa tripletta, aggiungendo un successo in supergigante. In questa stagione però Goggia ha fatto fatica in questa specialità, con un settimo posto in Val d’Isere e l’uscita di St.Anton.

Una tripletta per l’Italia che potrebbe arrivare non solo con Sofia Goggia, visto che quella di Crans Montana è una pista che si sposa fortemente con le qualità tecniche delle azzurre. Marta Bassino ha riposato ieri proprio per essere al 100% quest’oggi, ma anche Federica Brignone ed Elena Curtoni sono tra le favorite per la vittoria finale.

Va rimarcato poi che le avversarie dirette delle azzurre non sono al 100%. Lara Gut-Behrami, in testa alla classifica di specialità, ha accusato dei dolori alla schiena; per quanto riguarda la ceca Ester Ledecka bisogna capire come recupererà dalla caduta di ieri in discesa; la svizzera Corinne Suter, invece, ha vissuto finora un fine settimana molto deludente e non sembra adattarsi bene alla pista di Crans Montana. Attenzione poi anche a Petra Vlhova, che ha brillato in discesa e potrebbe dire la sua, anche per la vittoria, in supergigante.

A Kitzbuehel ci si riprova. Il maltempo ha avuto la meglio nella giornata di ieri, ma nessuna voglia da parte di organizzatori e FIS di cancellare la mitica discesa sulla Streif. Programma rivoluzionato con slittamento nella giornata di lunedì, quando si svolgerà il supergigante. Oggi, dunque, spazio alla seconda libera dopo quella di venerdì che ha visto la vittoria dello svizzero Beat Feuz davanti all’austriaco Matthias Mayer e a Dominik Paris.

L’altoatesino va a caccia della quinta vittoria della carriera sulla Streif e sarebbe la quarta in discesa per un poker che lo proietterebbe nella leggenda. Le indicazioni di venerdì sono state positive con Paris in pieno recupero e che sta ritrovando lo smalto del pre-infortunio. Manca forse ancora un pochino di brillantezza, ma Dominik può davvero puntare al bersaglio grosso.

Ovviamente Feuz e Mayer si ripresentano da favoriti, ma fari puntati anche sull’austriaco Vincent Kriechmayr, la grande delusione della prima discesa. Una caduta ha tirato fuori dai giochi Ryan Cochran-Siegle, ma gli Stati Uniti possono giocarsi la carta Travis Ganong, senza dimenticare i tedeschi Romed Baumann ed Andreas Sander. La Streif è pronta a riaprire le sue porte per un’altra pagina di storia tutta da scrivere.

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Snowboardcross oggi: orario 24 gennaio, tv, programma, streaming Coppa del Mondo Chiesa in Valmalenco

Sci di fondo oggi: orari, tv, programma, pettorali e partecipanti staffette Lahti