Salto con gli sci, Robert Johansson approfitta della caduta di Granerud e vince a Lahti. Doppio podio tedesco con Eisenbichler e Geiger

Robert Johansson torna a vincere in Coppa del Mondo per la prima volta dopo quasi due anni di digiuno e si aggiudica il terzo successo della carriera nel circuito maggiore (il primo della stagione 2020-2021), imponendosi sul trampolino HS130 di Lahti grazie ad un epilogo davvero incredibile. La Norvegia sembrava infatti vicinissima alla doppietta, ma Halvor Egner Granerud (dominatore assoluto della prima serie) è caduto in fase di atterraggio dopo aver sfiorato il record del Large Hill finnico (137.5 metri contro i 138 del connazionale Forfang) e si è dovuto accontentare di un amaro quarto posto a soli 2.4 punti dalla vetta.

Granerud, sempre saldamente al comando della classifica generale di Coppa del Mondo, ha perso addirittura 31 punti per le valutazioni dei giudici rispetto a Johansson ma è stato comunque in grado di limitare i danni grazie ad una misura sensazionale e al vantaggio accumulato nella prima parte della competizione. Va comunque sottolineata l’ottima prestazione del vincitore odierno, autore del miglior punteggio parziale nella seconda serie dopo il 3° posto di metà gara. Doppio podio tedesco con il secondo posto di Markus Eisenbichler ed il terzo di Karl Geiger, staccati rispettivamente di 1.7 e 1.9 punti dalla testa grazie a due salti molto solidi.

Alle spalle dei primi quattro, racchiusi in meno di due punti e mezzo, i distacchi sono più consistenti a partire dalla quinta piazza dell’austriaco Stefan Kraft, che paga ben 8.1 punti rispetto al primo classificato. Da segnalare la bellissima rimonta del giapponese Ryoyu Kobayashi, risalito fino al nono posto dopo aver bucato il primo salto di gara (era 24°), oltre all’ottimo recupero del connazionale Yukiya Sato, da 28° a 18°. Assente la squadra azzurra, che ha deciso di saltare la tappa finlandese di Coppa del Mondo.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclocross, Wout Van Aert: “Divertente essere la lepre. Van der Poel favorito ai Mondiali”

LIVE Sport Invernali, DIRETTA 24 gennaio: grande Sighel nello short track. Podi Brignone e Kevin Fischnaller