Salto con gli sci, Coppa del Mondo Zakopane 2021: si gareggia a casa di ‘King’ Kamil Stoch

La Coppa del Mondo maschile di salto con gli sci si appresta a vivere un weekend pieno di pathos, facendo tappa in una delle località dove la passione per la disciplina è più accesa, ovvero Zakopane (Polonia), località che nel lontano passato  Nel lontano passato è stata teatro di ben tre edizioni dei Mondiali di sci nordico (1929, 1939, 1962). Dopo essere stata inserita nel calendario della stagione inaugurale della Coppa del Mondo (1979-’80), la città del Voivodato Małopolskie ha dovuto affrontare tre lustri di oblio, ospitando gare del massimo circuito solo in rarissime occasioni.

La situazione è cambiata a fine anni ’90, quando la “Capitale invernale polacca” si è trasformata in un appuntamento pressoché fisso. Lo testimonia il fatto che a Zakopane si siano disputate ben 45 competizioni individuali di primo livello, 40 delle quali valevoli per la Coppa del Mondo.
Gli atleti si confronteranno sul trampolino denominato Wielka Krokiew, costruito nel 1925 e più volte ristrutturato nel corso degli anni. Gli ultimi interventi di rilievo sono stati effettuati tra il 2016 e il 2017, conferendogli l’attuale conformazione.
L’impianto è intitolato a Stanisław Marusarz, una delle icone del salto con gli sci e della combinata nordica dell’anteguerra. È parte di un complesso di cinque trampolini, la cui particolarità è quella di essere dotato uno stadio in grado di accogliere la bellezza di 50.000 spettatori. Alla luce dell’enorme capienza, il 6 giugno 1997 le pendici della collina ospitarono una messa dell’allora pontefice Giovanni Paolo II.

Sinora le 45 gare di primo livello andate in scena a Zakopane sono state vinte da ventisette diversi atleti. Fra di essi spiccano due uomini attualmente in attività. Gregor Schlierenzauer è stato il primo capace di imporsi in ben 5 occasioni (2008, 2009, 2010, 2010 e 2012). Il trentunenne tirolese è stato eguagliato proprio lo scorso anno dall’enfant du pays Kamil Stoch, che a sua volta ha primeggiato 5 volte (2011, 2012, 2015, 2017, 2020). Tuttavia il polacco ha raccolto affermazioni in cinque inverni differenti, mentre l’austriaco ha beneficiato del back-to-back realizzato nel 2010, quando si sono disputate due competizioni individuali.
Oltre a Schlierenzauer e Stoch, fra i saltatori tuttora in azione si contano 2 successi per Stefan Kraft (2016, 2019), mentre hanno ottenuto 1 vittoria anche Simon Ammann (2011) e Anze Semenic (2018).

Se si guarda ai podi, si contano tredici uomini tuttora in attività ad aver raccolto almeno un piazzamento nella top-three. Incredibilmente, anche in questa graduatoria comandano ex aequo Schlierenzauer e Stoch!
6 – SCHLIERENZAUER Gregor [AUT] (5-1-0)
6 – STOCH Kamil [POL] (5-0-1)
5 – AMMANN Simon [SUI] (1-2-2)
4 – KRAFT Stefan [AUT] (2-2-0)
4 – FREITAG Richard [GER] (0-2-2)
3 – PREVC Peter [SLO] (0-1-2)
2 – WELLINGER Andreas [GER] (0-2-0)
2 – FREUND Severin [GER] (0-0-2)
1 – SEMENIC Anze [SLO] (1-0-0)
1 – HAYBÖCK Michael [AUT] (0-1-0)
1 – JOHANSSON Robert [NOR] (0-1-0)
1 – SATO Yukiya [JPN] (0-0-1)
1 – KUBACKI Dawid [POL] (0-0-1)

Volgendo invece lo sguardo ai vari movimenti nazionali, si evince come l’Austria sia indiscutibilmente la potenza egemone. Tuttavia negli ultimi anni il movimento rot-weiß-rot si è visto appaiato dalla Polonia padrona di casa per quanto riguarda il numero di vittorie
32 (11-12-9) – AUSTRIA
26 (7-8-11) – NORVEGIA
24 (8-6-10) – GERMANIA [All-Inclusive]
19 (11-4-4) – POLONIA
17 (4-7-6) – FINLANDIA
8 (4-2-0) – SLOVENIA
5 (1-2-2) – SVIZZERA
3 (0-2-1) – GIAPPONE
1 (0-1-0) – URSS
Si notano un paio di fatti inconsueti. In primis il Giappone non ha mai vinto. I migliori risultati ottenuti dai saltatori nipponici sono due secondi posti firmati da Kazuyoshi Funaki alla fine degli anni ’90. Inoltre un movimento ricco di tradizione e di talento come quello della Repubblica Ceca non è mai riuscito a salire sul podio, neppure ai tempi della Cecoslovacchia.

Dal 2013 Zakopane è costantemente teatro di una prova a squadre, format che andrà in scena anche in questo 2021. A oggi sul Wielka Krokiew se ne sono disputate otto.
Mattatrice indiscussa è la Germania, che ne ha vinte ben 4, comprese le ultime due andate in scena. La Slovenia si è imposta in 2 occasioni, mentre hanno raccolto 1 successo Polonia e Norvegia. Dunque l’Austria, dominate a livello individuale, non è mai riuscita a primeggiare nel contesto dei team event!

Va rimarcato un fatto. Per la prima volta dal 2012 si disputeranno due gare individuali. Infatti negli ultimi sette inverni era sempre stata programmata una prova a squadre, non prevista invece in questo 2020.

PROGRAMMA E PALINSESTO TELEVISIVO
Venerdì 15, ore 18.00 – Qualificazione (Diretta Eurosport dalle 17.55)
Sabato 16, ore 16.15 – Gara a squadre (Diretta Eurosport dalle 16.00)
Domenica 17, ore 16.00 – Gara Individuale (Diretta Eurosport dalle 15.45)

Foto: La Presse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Australian Open 2021: quando iniziano e le teste di serie. Tutti gli italiani a Melbourne

Come sta Alex Zanardi? La commozione della famiglia: è tornato a parlare. Come procedono le cure