Prada Cup, Terry Hutchinson: “La riparazione di American Magic va secondo i piani. Grazie a New Zealand, saremo in semifinale”

American Magic si sta impegnando in una corsa contro il tempo per riparare la propria barca, distrutta dopo la scuffiata di domenica scorsa durante la regata contro Luna Rossa. L’imbarcazione statunitense non scenderà in acqua nel weekend appena incominciato e ha già dato appuntamento alle semifinali di Prada Cup, in programma dal 29 gennaio al 2 febbraio nella baia di Auckland (Nuova Zelanda).

Inizia a filtrare un po’ di ottimismo dall’equipaggio che difende i colori del New York Yacht Club, come traspare dalle dichiarazioni rilasciate dallo skipper Terry Hutchinson a NZ Herald: “Le cose stanno andando esattamente come avevamo programmato. Siamo messi abbastanza bene per poter mettere in acqua la barca tra una settimana esatta“. American Magic sta riuscendo in questa impresa anche grazie all’aiuto di Team New Zealand, poiché Grant Dalton ha messo le proprie risorse a disposizione degli statunitensi: “Ci hanno aiutato con la loro struttura. Abbiamo affidato loro parte del progetto e questo ci ha permesso di concentrarci sull’interno di Patriot. Il nostro obiettivo è quello di tornare in gara e dimenticare quello che è successo qualche giorno fa“.

Foto: Luna Rossa Press

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci di fondo, Coppa del Mondo Lahti 2021: la Norvegia pronta a tornare a macinare successi. Italia assente

Atletica, parte la stagione indoor: tanti italiani in gara nel weekend, Eleonora Giorgi nella 35 km di marcia